Edoardo Zuccato – tre poesie inedite

Edoardo-Zuccato-300x288

Edoardo-Zuccato-300x288 Edoardo Zuccato ha pubblicato le raccolte di poesia in dialetto altomilanese Tropicu da Vissévar (Crocetti, Milano 1996), La vita in tram (Marcos y Marcos, Milano 2001), I bosch di Celti (Sartorio, Pavia 2008) e Ulona (Il Ponte del Sale, Rovigo 2010). Ha tradotto le Egloghe di Virgilio (I Bücòligh, Medusa, Milano 2007) e, con Claudio Recalcati, Biss, lüsèrt e alter galantomm. Ballate di François Villon (Effigie, Milano 2005). Nel 2012 è uscito il quaderno di traduzioni Il dragomanno errante (ATì editore, Milano). Insegna letteratura inglese all’Università IULM di Milano. Nel numero 54 (2009) «Atelier» gli ha dedicato un’ampia monografia critica.

 

Edoardo Zuccato
(inediti)

 

*
Sciura lüna dal ventön,
che bèla cera…
l’é quasi scür
e ‘l pâr no nanca sera.

Cut i ann ca la gh’ha lé
l’é ammó tant bèla
ch’i gent i sütan
a ciapàla par ‘na stèla.

Quand la passa in sül puntén
dul ciel hin gelus
j àltar donn di omm
ca guarda e sbassa la vus.

Lüna cörta d’un dî longh
ma piena istèss
e sbarlüsénta
la sa lé ‘sa ‘l vör dì vèss.

Signora luna del ventuno / come la trovo bene… / è quasi buio / e non sembra neanche sera. // Malgrado gli anni / è ancora tanto bella / che le persone continuano / a prenderla per una stella. // Quando passa sul ballatoio / del cielo sono gelose / le altre donne degli uomini / che guardano abbassando la voce. // Luna corta di un giorno lungo / ma piena lo stesso / e luccicante / lei sa cosa vuol dire essere.

 

*
Che belèza chi dì a la fen d’agust
quand che fà gnent l’é già un fà trop;
fà ‘n pisuchén dopu mangiâ e sentì
che te sê ‘l mond, chi ta dis göbb?

E tan’ che la bürocrazìa
l’é ‘ndaj a lavà a machina
ti fà nagótt dó volt che prest o tard
ta giügarà in dul cô la puesia.

Che meraviglia quei giorni a fine agosto / quando far niente è già un far troppo; / fare un riposo dopo mangiato e sentire / che sei vivo, chi può dire il contrario? // E intanto che la burocrazia / è andata a lavare la macchina / tu fa’ due volte niente che prima o poi / ti frullerà in testa la poesia.

*
Arietina büscénta a la fén d’agust – sa fiâda
tant ben ca sa ved mez’ Europa
d’in riva aa val du’ Ona:

Grigneta e Grignón cut in có ‘na piüma d’ümidità
‘me dü curaziér in parata,
campanén cun la facia da pulacch
e ‘l capell a scigóla schìscia
stratajâ dent in d’un blö pruenzâl,
pilastar dul viadott slanciâ
temé i gamb d’una sciuraza francesa,
gent ca pedala e ca cur e tett ca bala
ul flamenco a l’urchestra di corp,

“Pad.nia lib.ra” sü ‘n stablimént tütt a tocch,
grapelâ da tumàtass süj raminâ lüstar
‘me j avaìss pitürâ sü ‘l Mantegna
(rinascimento picâ lì dul su anch incö),
nìul fresch ca par scüma in gir a ‘n bicér,
maciamàja da sòfigh, ciel s’ciupâ föa
e tèra ca te sê pü in dua te sê ¬–

cent da chi tempest chì ca bufa via tücòss,
tristufina! finalment a sa fiâda

Arietta frizzante a fine agosto – si respira / tanto bene che si vede mezza Europa / dalla riva della Valle Olona: // Grignetta e Grignone con in testa una piuma d’umidità / come due corazzieri in parata, / campanile con la faccia da polacco / e il cappello a cipolla schiacciata / ritagliata precisa in un blu provenzale, / piloni del viadotto slanciati / come gambe di una gran signora francese, / gente che corre e pedala e tette che ballano / il flamenco all’orchestra dei corpi // “Pad.nia lib.ra” su una fabbrica che sta cadendo a pezzi, / grappolate di pomodori su reti metalliche che splendono / come le avesse dipinte Mantegna / (rinascimento creato senza sforzo dal sole anche oggi) / nuvole fresche come schiuma che trabocca da un bicchiere, / macerie di afa, cielo esploso / e terra che non sai più dove sei // cento di queste bufere che spazzano via tutto, / cazzarola! finalmente si respira


Edoardo Zuccato ha pubblicato le raccolte di poesia in dialetto altomilanese Tropicu da Vissévar (Crocetti, Milano 1996), La vita in tram (Marcos y Marcos, Milano 2001), I bosch di Celti (Sartorio, Pavia 2008) e Ulona (Il Ponte del Sale, Rovigo 2010). Ha tradotto le Egloghe di Virgilio (I Bücòligh, Medusa, Milano 2007) e, con Claudio Recalcati, Biss, lüsèrt e alter galantomm. Ballate di François Villon (Effigie, Milano 2005). Nel 2012 è uscito il quaderno di traduzioni Il dragomanno errante (ATì editore, Milano). Insegna letteratura inglese all’Università IULM di Milano. Nel numero 54 (2009) «Atelier» gli ha dedicato un’ampia monografia critica.

Foto tratta da: www.parcopoesia.it