VALERIO GRUTT – TRE INEDITI

Ultimo aggiornamento:

GRUTTValerio Grutt è nato a Napoli il 6 febbraio del 1983. Ha pubblicato la raccolta di poesie Una città chiamata le sei di mattina (Firenze, Edizioni della Meridiana, 2009). Sue poesie sono presenti nell’antologia Subway. Poeti italiani underground (Milano, Il saggiatore, 2006). Ha realizzato alcuni video tra i quali Paolina mia e Dante on the road. E’ stato direttore della rivista Popcorner e direttore artistico del festival Lyrics – Autori di Canzoni. Vive a Bologna dove collabora con il Centro di Poesia Contemporanea dell’Università, è presidente dell’associazione Heket e cofondatore del Centro Internazionale della Canzone d’Autore. Ha già collaborato con Atelier traducedo in napoletano la riscrittura di un testo di Francesca Serragnoli pubblicato ne Il rubino del martedì (info qui)

 Valerio Grutt
(inediti)

  

*

GRUTT 01 

Quann’ ero criaturo passavo sott’e tramunt
jevo appriesso a Indiana Jones dint’o bosco ‘e Capemonte.
Mò stongo ‘a cinche ore ‘ngòppa ‘o lungomare
ma me pare ca ce so’ nato comme ‘a ‘na cozza.
Purmàn nun me purtà luntano
veco ‘a patemo dint’ a ‘na nuvula ‘e capille
c’aspetta ‘e stelle ‘ro primmo ‘e l’anno
ce rongo ‘a mano e song’ nata vota figlio ‘ro suojo
e figlio ‘ro mio.

 

Da bambino passavo sotto ai tramonti / inseguivo Indiana Jones nel bosco di Capodimonte. / Ora sono da cinque ore sul lungomare / ma mi pare di esserci nato come una cozza. / Pullman non mi portare lontano / rivedo mio padre in una nuvola di capelli / che aspetta le stelle di capodanno / gli tendo la mano e sono di nuovo figlio suo / e figlio di me stesso.

 

*

 

Oggi nun po’ morì nisciuno
nasceno ‘e pisci dint’ ‘a panza ‘do munno.
‘E rubinett, arapite ‘e rubinett
‘e pporte, ‘e feneste,
l’ante ‘e l’armadi.
‘O cane mio è turnato
‘n suonno pe me fa ‘e feste.
‘E rubinett, ‘e pporte, ‘e core
‘e ccose felici, arapitele.

 
Oggi non può morire nessuno / nascono pesci nella pancia del mondo. / I rubinetti, aprite i rubinetti / le porte, le finestre, / le ante degli armadi. / Il mio cane è tornato / in sogno a farmi le feste. / I rubinetti, le porte, i cuori / le cose felici, apritele.

 

  

*

Song’ nat ‘e faccia
senz’acalà ‘a capa
asciuto cu ll’ uocchie araputi.
E quantu tiempo er stat luntano
‘re braccia, perzo chissà arò
cu ‘nu bigliett ‘mmano pe’ trasì.
Song’ nat ‘e faccia
e accusì vaco
cu ‘na capa ‘e lione ‘n pietto
‘a primmavera cresciuta ‘mmano.

Sono nato di faccia / senza abbassare la testa / uscito con gli occhi aperti. / E quanto tempo ero stato lontano / dalle braccia, perso chissà dove / con un biglietto in mano per entrare. / Sono nato di faccia / e così vado / con una testa di leone in petto / la primavera cresciuta in mano.


Valerio Grutt è nato a Napoli il 6 febbraio del 1983. Ha pubblicato la raccolta di poesie Una città chiamata le sei di mattina (Firenze, Edizioni della Meridiana, 2009). Sue poesie sono presenti nell’antologia Subway. Poeti italiani underground (Milano, Il saggiatore, 2006). Ha realizzato alcuni video tra i quali Paolina mia e Dante on the road. E’ stato direttore della rivista Popcorner e direttore artistico del festival Lyrics – Autori di Canzoni. Vive a Bologna dove collabora con il Centro di Poesia Contemporanea dell’Università, è presidente dell’associazione Heket e cofondatore del Centro Internazionale della Canzone d’Autore. Ha già collaborato con Atelier traducedo in napoletano la riscrittura di un testo di Francesca Serragnoli pubblicato ne Il rubino del martedì (info qui)

Fotografia di proprietà dell’autore.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
Tiffany Atkinson – da “Catulla et al” (2) – traduzione di Giorgia Sensi, con la collaborazione di James Armstrong