4. Far parlare il silenzio

Ti scrivo da dove parlano tutte le cose

nella luce che accarezza il mio fogliame

in una lingua pura, a settembre,

parlare è luce,

l’infinito vi scorre e si illumina,

i mondi che non si possono vedere,

il miracolo in cui tu cresci ogni giorno

come foglie nutrite dall’acqua e dal sole,

 

in profondità freme il tuo silenzio,

l’argilla nel letto del fiume

dai bordi verdi e acqua viva,

giardini di silenzio dentro me,

 

torrenti pronti a parlare

attraversano il prato che vorrei

toccare con le suole dell’amore

che articola il mio silenzio.