Davide Zizza – Inediti

Ultimo aggiornamento:

Davide Zizza (Crotone, 1976). Dopo la plaquette stampata privatamente Mediterraneo (2000), ha pubblicato la raccolta di poesie Dipinti & Introspettive (Rupe Mutevole, 2012), Ruah, con la prefazione di E. Testa (Ensemble, 2016) e Piccolo taccuino occasionale (Ensemble, 2020). Un suo breve saggio, La lettura e la scrittura come etiche dell’ascolto, è presente nel volume collettaneo Ascolto per scrivere (Fara Editore, 2014). Pubblicato su riviste e blog letterari (fra cui L’Estroverso, Pelagos, ClanDestino, Poesiadelnostrotempo, Larosainpiù), è redattore per Poetarum Silva in cui tiene la rubrica Bustine di zucchero.

*

Leggendo Machado

Machado, dammi il prisma
delle parole che non conosco
e che vorrei imparare,
il rosso e il nero dei giorni,
la sapienza del dolore
e il ristoro delle ossa –
portami il sole che sta nelle lettere,
la coscienza che dispero di avere:
dammi la saggezza di vedere.

***

si erano abbassate le palpebre di Dio
i numeri non corrisposero più
le lettere si confusero

così accadendo
si generò un suono una voce un ricordo

spazio e tempo morirono
si attaccarono agli uomini come una malattia

non fummo più come prima
forse non lo siamo mai stati

***

…scartare la polvere
e scoprire che si nasconde qualcosa
sotto l’abito liso dell’usuale:

«per frammenti di luce si alterna la vita,
vita sparsa nei giorni,
vita dispersa
raramente ritrovata…»

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
Flaminia Cruciani – “Piano di evacuazione” (lettura di Alessio Alessandrini)