Premio Poesia

Premio Poesia

Rate this article

TI ASPETTO A ¾ DA CASA DOVE L'ARIA E' PIU' FINE

Ti aspetto a ¾ da casa dove l’aria è più fine

Ricordi ancora l’aria di casa?

Ti tengo la mano di flebo trasfuse

Di gocce profuse raccolte in attesa

Di febbri mancate a coperta di te.

Ti accolgo disfatta di occhi slabbrati

Compasso di piedi, leva-forza per me

Di silenzi di bare di sorrisi tirati

Battiti di ciglia sospesi e gonfiati.

Immobile a ¾ da casa dove l’acqua è più chiara

Donna carneossa-vestita

Trapunta dal caldo tepore di lana

Sono qui ad apparecchiare l’aurora

Ti stringo le mani e massaggio le dita

Sbatti le palpebre e appoggi le ciglia

su occhi grigioazzurri da husky.

Volo migratorio di neuroni

Al primo giro dell’oca si sono spaiati

Trainatori di slitte: torneranno verso casa?

e-max.it: your social media marketing partner

Vota la poesia finalista

View Result

Newsletter


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.