Premio Poesia 2020

Premio Poesia 2020

|

(a Guido Bordoni)


A volte, per necessità o per noia,
sul tavolo di plastica in giardino
noi si giocava a briscola col morto,
tu ed io che facevamo coppia fissa
contro un terzo ospite che fronteggiava
una sedia vuota, incapace e ingenua.
Lo immaginavo sciocco (io più sciocco),
poco furbo quel morto che lasciava
farsi vedere le carte da tutti,
non in grado di rispondere ai cenni
del suo compagno paziente, abituato
a trattare con cura quotidiana
quelle toppe di inesistenza.
Ed era così stupida la morte
che a fine gara rimaneva lì,
ad aspettare di perdere ancora
o di lasciare vincere il più piccolo
che ancora non sapeva bene le regole.

Ora il morto ha un cognome che è il mio
e il nome identico al tuo.
Ovunque lo cerchi
nel mazzo levigato dalle mani
rimane una voce senza volto e corpo,
una serie di pratiche vive che ti spinge
ancora un poco in questa cerchia d’anime.

Newsletter


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.