Poesia italiana

Brice Bonfanti - Inediti

44794753 716020425429519 3343373951056216064 oBrice Bonfanti, poeta franco-italiano. Nato Frigau nel 1978, ad Avignone. Vive oggi tra Grenoble e Bologna. Per sette anni conservatore presso la Biblioteca di Grenoble, responsabile dell’archivio di Stendhal. Dal 2000 scrive essenzialmente Canti d’utopia, che mescolano prosa, versi, filosofia, religione, politica e biologia. Pubblicati dalle edizioni Sens & Tonka (Paris) in cicli di nove Canti, si possono ascoltare su www.bricebonfanti.com. Collabora con varie riviste francesi fra cui Lundi Matin, Catastrophes, Nunc, Phoenix, L’Intranquille, Recours au poème.
Chants d’utopie: deuxième cycle, Sens & Tonka, 2019
Chants d’utopie: premier cycle, Sens & Tonka, 2017
Avatars de Rousseau (codir. Brice Frigau Bonfanti & Ludovic Burel), Villeurbanne, it: éditions, avril 2015
e-max.it: your social media marketing partner

Brice Bonfanti
Inediti in italiano




Si tu déclines – et tu déclines –, décline bien
Se tu declini – e tu declini –, declina bene
pas mal                                                 non male
sinon tu tombes                           sennò tu cadi
et tu rejoins la fausse tombe.             e tu vai alla: falsa tomba.
Or, il en est qui sont vraies, d’or.
Or, v’è che ce ne son di vere, d’oro :
all’oro dell’ora che ha l’oro in bocca.

E stiamo cadendo.
Se io non ti amo, stiamo : cadendo.
E se io ti amo, stiamo : comunque cadendo.

La caduta è caduta nostra.
Attratti dalla, e spinti dalla: gravità
noi stiamo tutti: gravitando,
e gravi siamo: gravidi
della, dalla caduta nostra,
della, dalla nascita nostra.

La caduta, il cadere, è nostra cattedra – fata fatale –
attratti dalla, e spinti dalla : nostra cattedra – destino finale –
la nostra sedia di pontefici, ché ognuno e tutti siamo,
ognuno, a fare il proprio ponte.




*


E la catastrofe
è quel che cade
e accade
fin dall’inizio.
E la catastrofe
fin dall’inizio
è all’inizio
è alla fine
il nostro fine.

La catastrophe est assidue. Elle est assise sur le monde, et elle est sise dans le
    monde, est l’assise du monde.
La catastrophe est ce qui tombe, et elle tombe en elle-même, tombe elle-
   même, tombe de soi. La catastrophe est ce qui tombe.
Elle tombe sur nous pour nous faire tomber avec elle et en elle qui tombe,
   dans sa tombe qui tombe. Elle-même est la tombe qui tombe, elle-même,
   en soi-même.


La catastrofe è assidua, seduta sul mondo, essa è sede del mondo e del mondo
   ne è l’asse, e l’assisa.
La catastrofe è quel che cade. Che accade e cade in se stessa, che da se stessa
   cade e accade, e accade da sé. La catastrofe è quel che accade.
E cade su noi per farci cadere con essa e in essa che cade, e che cade nel suo
   cadavere che cade a sua volta. Essa è in se stessa il suo cadavere che cade e
   che accade, a sua volta, in se stesso.




Fotografia di proprietà dell'autore. 

e-max.it: your social media marketing partner

Aggiungi commento


VENTICINQUESIMO PREMIO LETTERARIO
CITTÀ DI BORGOMANERO
 

Ecco i finalisti

Ultimo Numero

ATELIER 94Gian Mario Villalta è nato a Visinale di Pasiano (PN) nel 1959, vive a Porcia. Ha pubblicato i libri di poesia: Altro che storie! (Campanotto, 1988), L’erba in tasca (Scheiwiller, 1992), Vose de Vose/ Voce di voci (Campanotto, 1995 e 2009), Vedere al buio (Sossella, 2007), Vanità della mente (Mondadori, 2011, Premio Viareggio). Numerosi gli studi e gli interventi critici su rivista e in volume, tra cui i saggi La costanza del vocativo. Lettura della “trilogia” di Andrea Zanzotto (Guerini e Associati, 1992), Il respiro e lo sguardo. Un racconto della poesia italiana contemporanea (Rizzoli, 2005). Ha curato i volumi: Andrea Zanzotto, Scritti sulla letteratura (Mondadori, 2001) e, con Stefano Dal Bianco, Andrea Zanzotto, Le Poesie e prose scelte (Mondadori, 1999). Del 2009 è il non-fiction Padroni a casa nostra (Mondadori). I suoi libri di narrativa: Un dolore riconoscente (Transeuropa, 2000), Tuo figlio (Mondadori, 2004), Vita della mia vita (Mondadori, 2006), Alla fine di un’infanzia felice (Mondadori, 2013), Satyricon 2.0 (Mondadori, 2014), Bestia da latte (SEM, 2018). È direttore artistico del festival Pordenonelegge.

International

Phronein

Newsletter


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.