Poesia italiana

Giovanni Sommavilla - Inediti

44143573 2266934670048068 306027530920394752 nGiovanni Sommavilla Vigna (1991) – Lavora come referente ufficio stampa e web editor a Bologna. E’ stato caporedattore del magazine online Discorsivo, su cui continua a pubblicare articoli come contributor. Nel 2018 ha vinto il concorso di poesia under30 Vita alla Vita.

e-max.it: your social media marketing partner
Giovanni Sommavilla
Inediti


Pendolari

Noi siamo quei ragazzi
che viaggiano nel clangore notturno;
ad occhi chiusi nel ritardo generale,
chi dispera, l'annuncio.

È questo vagone sereno
- amante-amante
amante-amante-
silenzioso
scarrozza alle prime luci della settimana,
ci si avvinghia e si ama il tempo
così
anche quando è carnivoro.


*

Ci sarà un nuovo ordine, color crema nuovo,
le pareti che reggono cornici scorci almeno loro, come t’affacci a vedere calmo il mare
dal lettino.

Ci accorderemo per un nuovo disordine, come negli anni che mi hai insegnato
che orma e grandezza non sono la stessa cosa,
ma di quando lasci la cena coperta, hai sempre davanti la mia nuca che un passo indietro,
tu
sempre,
hai fotografato,
voli e precipizi, la mano che fotografava.

Io non la vedevo, malriposto l’occhio ovunque
il binocolo-tempo,
quando tu passavi
chiudendo gli occhi ai roseti.


Fotografia di proprietà dell'autore

e-max.it: your social media marketing partner

Aggiungi commento


VENTICINQUESIMO PREMIO LETTERARIO
CITTÀ DI BORGOMANERO
 

Ecco i finalisti

Ultimo Numero

ATELIER 94Gian Mario Villalta è nato a Visinale di Pasiano (PN) nel 1959, vive a Porcia. Ha pubblicato i libri di poesia: Altro che storie! (Campanotto, 1988), L’erba in tasca (Scheiwiller, 1992), Vose de Vose/ Voce di voci (Campanotto, 1995 e 2009), Vedere al buio (Sossella, 2007), Vanità della mente (Mondadori, 2011, Premio Viareggio). Numerosi gli studi e gli interventi critici su rivista e in volume, tra cui i saggi La costanza del vocativo. Lettura della “trilogia” di Andrea Zanzotto (Guerini e Associati, 1992), Il respiro e lo sguardo. Un racconto della poesia italiana contemporanea (Rizzoli, 2005). Ha curato i volumi: Andrea Zanzotto, Scritti sulla letteratura (Mondadori, 2001) e, con Stefano Dal Bianco, Andrea Zanzotto, Le Poesie e prose scelte (Mondadori, 1999). Del 2009 è il non-fiction Padroni a casa nostra (Mondadori). I suoi libri di narrativa: Un dolore riconoscente (Transeuropa, 2000), Tuo figlio (Mondadori, 2004), Vita della mia vita (Mondadori, 2006), Alla fine di un’infanzia felice (Mondadori, 2013), Satyricon 2.0 (Mondadori, 2014), Bestia da latte (SEM, 2018). È direttore artistico del festival Pordenonelegge.

International

Phronein

Newsletter


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.