Poesia italiana

Natalia Paci - Tre inediti

PACI NATALIANatalia Paci (Ancona, 1974) è avvocato e professore a contratto di Diritto del lavoro presso l’Università Carlo Bo di Urbino. Ha pubblicato la raccolta poetica Pronta in bilico (Sigismundus, 2012). Sue poesie sono presenti in riviste e blog di poesia e nelle antologie: “Porta marina. Viaggio a due nelle Marche dei poeti”, a cura di Massimo Gezzi e Adelelmo Ruggieri (Pequod, 2008); “Calpestare l'oblio. Cento poeti contro la minaccia incostituzionale, per la resistenza della memoria repubblicana” (ed. Cattedrale, 2010); “Registro di Poesia #5” (Edizioni d'if, 2012); “Il ricatto del pane. Scritti e poesie sul significato del lavoro”, a cura di Gianmario Lucini e Nerina Garofalo (CFR, 2013); “Umana, troppo umana. Poesie per Marilyn Monroe”, a cura di Fabrizio Cavallaro e Alessandro Fo (Nino Aragno Editore, 2016), “Convivio in versi. Mappatura democratica della poesia marchigiana” a cura di Lorenzo Spurio (PoetiKanten Edizioni, 2016), “Poeti in classe”, a cura di Evelina De Signoribus e Elena Frontaloni (italic pequod, 2017).

Nell'antologia “Femminile plurale. Le donne scrivono le Marche”, a cura di Cristina Babino (Vydia, Montecassiano, 2014) ha pubblicato il racconto “Sbarcare il lunario”. Con Luigi Socci e Valerio Cuccaroni, organizza dal 2006 il Poesia Festival La punta della lingua (www.lapuntadellalingua.it).
e-max.it: your social media marketing partner
Natalia Paci
Inediti





*


Parto

Ho conosciuto Dio
 ero proprio Io.

Nel mio universo in pancia
 un Big Bang neonatale
 Creazione monodose
 a dimensione personale.

Non c’è né giorno né notte nel parto
 ma un tunnel spazio-temporale.
 E fu subito Lucio: da nulla a tutto
 a velocità esponenziale.




*


Animale fantastico e reale

Sono un animale fantastico
con due teste e due cuori
quattro gambe e quattr'occhi
venti dita delle mani
venti dita dei piedi.

Prima sono tutto attaccato
poi mi stacco e mi strappo tutto
ma resto vivo e vado in giro
sdoppiato spezzato zoppo ma intero
un cuore qua e uno là.

Sono fantastico e reale
per nulla unico molto comune.
Sono sempre me stesso
ma non sempre mi assomiglio.
Sono la mamma col figlio.




*


Ti ho fatto

Guarda che bella mamma che ti ho fatto.
Papà così mi ha detto.

È più merito suo che tuo
se ti ha sposato.
È più merito suo che tuo
se sono nato.

Guarda che bel figlio che ti ho fatto.
Tu così gli hai detto.
Mamma tu mi dici:
noi ti abbiamo fatto
e tu ci hai fatto felici.




Fotografia proprietà dell'autrice. 

e-max.it: your social media marketing partner

Aggiungi commento


This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.