Poesia italiana

Roberta D'Aquino - Tre inediti

roberta daquinoRoberta D’Aquino (1982) è nata a Napoli e risiede a Treviso per lavoro. Ingegnere e consulente informatico, amante del teatro, della fotografia e della letteratura, ha frequentato e coordinato siti e forum di diffusione poetica. È stata semifinalista al Premio Rimini e al Premio Solstizio. Ha esordito con Il senso sparuto del vuoto (Terra d’ulivi edizioni, 2017). Le sue poesie sono apparse sul Blog di Luigia Sorrentino (RAI), Poetarum Silvia e altre riviste e blog.

e-max.it: your social media marketing partner
Roberta D'Aquino
Tre inediti


Dormire e ad occhi chiusi saperti guardare
con l’amore di una madre di una figlia
d’una donna accesa dalle linee del tuo corpo
[ci si perde nel golfo, sta di fronte poco attento
allo sciabordio delle barche in attesa
nell’operoso approdo di un aliscafo di pendolari
alla mattina presto un finto prato e vasi di gerani
che ricordano seni fioriti nel richiamare una carezza]
Dormire come il golfo tra gli intrecci delle reti
e le tue dita al sole o alla mezzanotte
è un po’ come galleggiare nel sapore
di averti avuto addosso, nel ricordo di averti avuto
lacrima da risanare, d’essere stata ala da curare
[è vuoto intanto il lungomare, pochi sportivi corrono
ora è isola pedonale] dovrà cambiare
diventare atollo anello e matrimonio
velo-foschia sui capelli d’una sposa.


*

E dove appari tu
che in questo mare di zolle perdute
vacilli e affoghi
fiamma e stoppino insieme
nella cera albergata tra le mani
sul muro in fondo a questo buio
mi ammansisci
bestia da cortile che pende dalle labbra
di una notte ancora scura

Domani sarà livido come oggi
questo cielo che raccoglie le note
delle tue gambe; la lingua indovinata
da nessun poeta
sento strisciare sulla dorsale
e fili elettrici, eclettici, mi confondono

Toglimi il sangue, dammi uno scroscio
salino. Verrò domani a recarti un fiore
verrò a dondolarti sull’orizzonte
toglimi il sangue fino al vago negli occhi.


*

Ci fu un tale bisogno di abbracci
che ci mettemmo a regalarli nelle piazze
e non bastava, ce li scambiammo
alla stazione, lunghi, con la gente
che ci camminava intorno come un gregge
che evita l'ostacolo o le formiche
intorno a una briciola di pane
Ci mettemmo a sognarli di notte
ogni notte un abbraccio diverso
erano tutte persone passate, occhi
non più visti

Stanotte è toccato a Eduardo
Non lo vedo da anni. Nel sogno
Eduardo aveva avuto una bimba
lo abbracciammo a lungo
Ci svegliammo felici.

 


Fotografia di proprietà dell'autrice.

e-max.it: your social media marketing partner

Aggiungi commento


This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.