Poesia italiana

Antonio Lillo - due inediti

LILLO

Antonio Lillo, nato nel 1977, vive a Locorotondo, in Puglia. È direttore editoriale della micro casa editrice Pietre Vive. Poeta di lingua italiana e dialettale, ha sviluppato la sua fotografia come possibilità di esprimere il suo mondo poetico, senza i limiti della traduzione. Non vi è pertanto una vera scissione fra i due linguaggi che, anzi, tendono a compenetrarsi. Ad oggi, ha pubblicato le raccolte poetiche L’innocenza del Male (2009), Viva Catullo (2011), Dal confino (2013), Rivelazione (2014) e il reportage fotografico Piazza Vittorio Emanuele (2010). È autore, per il teatro, dell’atto unico Fiat Umbra (2010) per la regia di Carlo Formigoni, del monologo Grasso (2011) per la regia di Elisa Gestri, divenuto nel 2012 una piéce radiofonica per Radiotre. È inoltre coautore, insieme a Carlo Formigoni, della commedia Sapore si sale (2014) per la regia di Carlo Formigoni; e, insieme a Francesca Montanaro, dello spettacolo per bambini L’albero di Iqbal (2014) per la regia di Francesca Montanaro.
e-max.it: your social media marketing partner
 

Antonio Lillo

(inediti)

 


PETTERÙSSE
lillo 05

«A kjéne kjéne, petterùsse!»
lucculève attàneme da riète
ca ij fuscève nnànte
i me spascève a képe sópe i piète.

Rùsse pure jídde p’a fatìgghje
spasscève i piète pu martìdde
sópe a ferrovíje. «Na jè a stessa cose»
se mbriakéve a sère, «fatejè pe l’ólte
pe campè a sciurnète
o akkjàrse na fatìgghje ca te pièsce.»

Può pegghjève sùnne a kjéne kjéne
sópe a bànke. Spantève. «Kère è ‘libertà’
i kèsse è ‘capitalismo’. Mbàrete,
ca i ciòccere vóne nnànte, petterùsse,
ma u mùnne u spàscene i paruòle.»

I m’accattève i livre pa fatìgghje
pe ffè a revoluzióne appìrse a jídde.

I nna sapève nùdde ca na dígghje
m’à appeccète mpìtte u stèsse fúke
u cante ca na dígghje a spascè u mùnne
pi paruòle, ca so piète pu scarpìdde.

U sàcce bbúne jí, ca i fatìgghje.

 

 

PETTIROSSO
lillo 03
«Piano piano, pettirosso!»
Gridava mio padre da dietro
ché io scappavo avanti
a spaccarmi la capa sulle pietre.

Rosso pure lui per il lavoro
spaccava le pietre col martello
sulla ferrovia. «Non è la stessa cosa»
si ubriacava la sera, «lavorare per gli altri
per campar la giornata
o trovarsi un lavoro che ti piace.»

Poi prendeva sonno piano piano
sulla tavola. Si svegliava di botto. «Quella è ‘libertà’
e questa è ‘capitalismo’. Imparalo
che i ciucci vanno avanti, pettirosso,
ma il mondo lo spaccano le parole.»

E mi comprava i libri col lavoro
per far la rivoluzione appresso a lui.

E non sapeva nulla che un giorno
mi s’è acceso in petto lo stesso fuoco
il canto che un giorno spaccherà il mondo
con le parole, che sono pietre da scalpello.

Lo so bene io, che le lavoro.

 



I PÀCCE
lillo 02
Fatìgghje pi pàcce ca sò duò jànne
agne digghje jè na digghje aspettànne u Segnóre.

U tìmpe ammarèsce sópe i capere di pàcce
ca me díscene sèmpe: «dottò pe stè ddò
o sí pàcce o sí fèsse. Ma tu fèsse na ssí. Sarà
ca sí pàcce cume a néggue?»

I a kjéne kjéne a stè pi pàcce
tutte scìme mbrjéche ma sènza penzíre
ca díscene nùdde de péne o de mmíre.



I PAZZI

Lavoro coi pazzi che sono due anni
ogni giorno è un giorno aspettando il Signore.

Il tempo si guasta sulle teste dei pazzi
che mi dicono sempre: «dotto’ per star qui
o sei pazzo o sei fesso. Ma tu fesso non sei. Sarà
che sei pazzo come noi?»

E piano piano a stare coi pazzi
tutti andiamo ubriachi ma senza pensieri
che dicano nulla di pane o di vino.


Antonio Lillo, nato nel 1977, vive a Locorotondo, in Puglia. È direttore editoriale della micro casa editrice Pietre Vive. Poeta di lingua italiana e dialettale, ha sviluppato la sua fotografia come possibilità di esprimere il suo mondo poetico, senza i limiti della traduzione. Non vi è pertanto una vera scissione fra i due linguaggi che, anzi, tendono a compenetrarsi. Ad oggi, ha pubblicato le raccolte poetiche L’innocenza del Male (2009), Viva Catullo (2011), Dal confino (2013), Rivelazione (2014) e il reportage fotografico Piazza Vittorio Emanuele (2010). È autore, per il teatro, dell’atto unico Fiat Umbra (2010) per la regia di Carlo Formigoni, del monologo Grasso (2011) per la regia di Elisa Gestri, divenuto nel 2012 una piéce radiofonica per Radiotre. È inoltre coautore, insieme a Carlo Formigoni, della commedia Sapore si sale (2014) per la regia di Carlo Formigoni; e, insieme a Francesca Montanaro, dello spettacolo per bambini L’albero di Iqbal (2014) per la regia di Francesca Montanaro.

 

Fotografia di proprietà dell'autore.

 

e-max.it: your social media marketing partner

Aggiungi commento


Ultimo Numero

ATELIER 94Gian Mario Villalta è nato a Visinale di Pasiano (PN) nel 1959, vive a Porcia. Ha pubblicato i libri di poesia: Altro che storie! (Campanotto, 1988), L’erba in tasca (Scheiwiller, 1992), Vose de Vose/ Voce di voci (Campanotto, 1995 e 2009), Vedere al buio (Sossella, 2007), Vanità della mente (Mondadori, 2011, Premio Viareggio). Numerosi gli studi e gli interventi critici su rivista e in volume, tra cui i saggi La costanza del vocativo. Lettura della “trilogia” di Andrea Zanzotto (Guerini e Associati, 1992), Il respiro e lo sguardo. Un racconto della poesia italiana contemporanea (Rizzoli, 2005). Ha curato i volumi: Andrea Zanzotto, Scritti sulla letteratura (Mondadori, 2001) e, con Stefano Dal Bianco, Andrea Zanzotto, Le Poesie e prose scelte (Mondadori, 1999). Del 2009 è il non-fiction Padroni a casa nostra (Mondadori). I suoi libri di narrativa: Un dolore riconoscente (Transeuropa, 2000), Tuo figlio (Mondadori, 2004), Vita della mia vita (Mondadori, 2006), Alla fine di un’infanzia felice (Mondadori, 2013), Satyricon 2.0 (Mondadori, 2014), Bestia da latte (SEM, 2018). È direttore artistico del festival Pordenonelegge.

International

Phronein

Newsletter


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.