Poesia italiana

Marco Melillo - Inediti

72089262 10217574129938412 4073840767326486528 nMarco Melillo: nato a Napoli nel 1979, appassionato lettore fin dalla tenera età, ho poi iniziato a scrivere in prosa e poesia. Da amante della letteratura, del cinema e più in generale delle arti e dei fenomeni sociali, ho scritto articoli su questi temi per varie testate senza mai diventare un giornalista. Come autore sono presente in alcune antologie nazionali e riviste. Ho vinto il Premio “Iguana – Anna Maria Ortese” per la poesia inedita (2017), sono stato finalista del Premio “Poesia a Napoli” (Guida editore, 2018) e pubblicato nella relativa antologia, ho avuto un riconoscimento al “Premio Città di Conza” (2019, sempre per la poesia inedita). Alcuni miei racconti sono stati pubblicati delle riviste cartacee. Mi piace tradurre i poeti americani contemporanei e setacciare internet in cerca di nuove interessanti voci del panorama mondiale.
e-max.it: your social media marketing partner
Marco Melillo
Inediti


(“per il mare nero”)

Essere di umore nero da più non sentirlo e
partire
fidarti di quelli che incontri per non aver scelta
gridare soltanto in silenzio perché non hai fiato
abbastanza stringere gli occhi per il troppo sale e del
sonno che arriva forzare la costa, prenderla come si
prende una curva sbattendo, senza poter più girare.

E poi rialzarsi sfidare la pena del mondo, gli occhi
di chi ci confessa di avere pietà, vivere come fantasmi
perché l’apparenza vi sfugge mentre tu rimani,
piangere gioia soltanto se arrivano fino al tuo naso le mani
e le vedi, soltanto ora.

Per chi non parte
o s’arresta alla sponda sicura del mare
la scelta è un azzardo perché non sa come
perché non immagina
che tra le porte del sole
i miraggi confusi al paesaggio sono stelle vive
una tappa di buchi di sole di spiagge di luce.

*

La notte sbaglia al di sopra di loro.

Facile dare la colpa a chi scappa
a chi spinge qualcosa di vivo
nel mare inautentico dell’abbondanza.

Facile pure il parlare
purché la vergogna abbia tratto lezione
dalla stessa legge
l’errore

oltraggiando un confine deciso dalle istituzioni
una muta di scogli
spacciando parole.

*

Moustafà dice che deve tornare al paese,
la madre in coma e chissà se suo figlio
ora lo riconosce.
Tiriamo i dadi a capire se è meglio partire
o tornare, ma è certa vulgata a farci pensare
che esista una dicotomia vera e propria
tra il vivere e il lasciarsi andare.
Ora un aereo che passa, i remi in barca
e le note postate nel buio sugli specchi
l’agone è finito, non c’è più uva a Corinto
che sappia risplendere in vino,
e non c’è nave che parta nella luce obliqua
sicura e protetta dal primo mattino.
Nuove frontiere annunciate per i costruttori
di tende
per i falegnami accecati dall’ira
che si manifestano nelle battute al veleno,
in rotta verso la Siria e distratti dal rosso lucore
tardissimo di pergamena.
Fotografia di proprietà dell'autore
e-max.it: your social media marketing partner

Aggiungi commento


IL CENTRO CULTURALE “DON BERNINI
E
IL COMUNE DI BORGOMANERO
organizzano
IL VENTISEIESIMO PREMIO LETTERARIO
CITTÀ DI BORGOMANERO


REGOLAMENTO:
Leggi tutto...

Ultimo Numero

ATELIER96

International

Phronein

PhroneinCover

Phronein nr. 3

Newsletter


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.