Poesia italiana

Luca Pizzolitto - Anteprima editoriale da "Tornando a casa" (Puntoacapo 2020)

Luca PIZZOLITTOLuca Pizzolitto nasce a Torino il 12 febbraio 1980, città dove attualmente vive e lavora come educatore professionale. Da quasi vent'anni si interessa ed occupa di poesia. Nel 2008 vince il Premio Arezzo Poesia; nel 2014 si classifica primo al Concorso Letterario Internazionale Città di Moncalieri; nel 2019 vince il Premio Internazionale Città di Latina. I suoi ultimi libri pubblicati sono: L'allontanarsi delle cose (Ladolfi, 2016), Il silenzio necessario (Transeuropa, 2017), Dove non sono mai stato (Campanotto, 2018), Il tempo fertile della mi avvicino al muro che unisce.
e-max.it: your social media marketing partner
Luca Pizzolitto
Anteprima editoriale (Tornando a casa, Puntoacapo 2020)


Sottovoce

Spalanco le finestre sugli avanzi
dell'inverno e su ciò che è stato,
resto immobile oltre il riparo artificiale
della mano sui miei occhi.

Questo risorgere di ogni giorno
ti tocca le palpebre, parla sottovoce.

E nel farsi attesa della sera,
nel canto opaco di un nuovo autunno,
concedi alla mia mente
la pietà delle rondini
e del tuo silenzio.

*

Sempre e solo

Dopo il tramonto, nella luce artificiale
della sera, anche tu sei rimasta al di là
delle mura degli occhi, piegata
in un assedio senza nome.

Poi hai pensato, spegnendo la luce
e cercando a tentoni il letto,
che noi si è donati sempre e solo a metà.

Nella vertigine delle tenebre interiori,
forse è l'esilio la più dolce attesa di Dio.

Nelle nuvole strappate a forza
dai nostri rimpianti, le stanze in cui
le mani cercano i tuoi occhi.
Gli aerei in cielo son cicatrici bianche
sul viso, deboli ritorni tra le mie braccia.

I nostri corpi nudi, disabitati,
tremano e spezzano nuove distanze.

Vorrei tu fossi, anche solo un istante,
silenziosa preghiera nel profilo del tempo,
vicina.

Oltre i limiti del giorno
dove il tempo si misura
in foglie cadute e piccoli spazi,
oltre il respiro ceduto alla danza
e poi al pianto.

In un ritratto angusto di solitudine
vieni a me con il candore del cigno,
con la sterile assenza di quando noi
non siamo mai stati.

*

Autunno

Un albero spoglio, violato, stanco
è questo cuore che hai cercato
in ogni modo di riempire.

Nelle notti insonni
nelle albe confuse
nei corpi incontrati per caso
e per caso dimenticati.

Smettere di bere.
Smettere di fumare.
Cercare Dio nelle piccole cose.

Solo, sul divano, conto il mio tempo
inciampato e perso.
Nell'assenza di un nuovo addio
Fotografie di proprietà dell'autore.
e-max.it: your social media marketing partner

Aggiungi commento


IL CENTRO CULTURALE “DON BERNINI
E
IL COMUNE DI BORGOMANERO
organizzano
IL VENTISEIESIMO PREMIO LETTERARIO
CITTÀ DI BORGOMANERO


REGOLAMENTO:
Leggi tutto...

Ultimo Numero

ATELIER96

International

Phronein

PhroneinCover

Phronein nr. 3

Newsletter


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.