Poesia italiana

Piergiorgio Viti - Inediti

VITIPiergiorgio Viti vive nelle Marche, dove è professore di lettere. Le sue poesie sono tradotte in spagnolo e rumeno. Nel 2010 esce un suo intervento critico per il catalogo, tradotto anche in cinese mandari-no, della mostra di Pietro Annigoni, in occasione delle esposizioni nelle Marche del cele-bre “pittore delle regine”. Nel 2011 ha pubblicato la prima raccolta poetica, “Accorgimenti” (L’arcolaio), mentre nel 2015, per Italic, esce “Se le cose stanno così”. Ha anche scritto per il teatro: “La fiabola di Virginio e Virgilio” con Tosca protagonista e “I sogni di Ray” con Carlo Di Maio. E’ andato in scena a teatro come autore e voce recitante per “La voce dell’uomo”, un tributo a Sergio Endrigo. Ha tradotto “I Preludi” di Alphonse de Lamartine con lettura di Ugo Pagliai e Paola Gassmann per il festival “Armonie della Sera”. Nel 2016 ha fatto parte, insieme ad altri poeti e scrittori, del progetto fotografico-editoriale “Memory Card” (Hacca Edizioni), realizzato dall’artista Rita Vitali Rosati. Nel 2017 esce un contributo per una “Piccola inchiesta sul provincialismo” (Galaad Edi-zioni, a cura di Simone Gambacorta). Nel 2019, per Pequod, pubblica “Aperto per inventario”, terza silloge poetica, che viene anche presentata al Salone del Libro di Torino con copertina di Ilario Fioravanti. I suoi testi sono presenti e recensiti in blog, siti letterari e riviste (La Lettura, Poesia, Zeusi, Segno, Poetarum Silva, Centro italiano di poesia, Rai news ecc.).
e-max.it: your social media marketing partner
Piergiorgio Viti
Inediti


*

Una casa senza mattoni, senza finestre.
Entro. Una casa senza malta,
senza stanze che raccontano. Una casa
che non può riflettere nulla. Inspecchiata.
Che teme di essere casa, teme il perimetro
che la incuba, la visura del mondo.
Vedendoti, in opaca lontananza, debilito.
Ma tu non sei, come questa casa, nulla.
Se vuoi, riempimi di perdoni.



*

Dietro quale paternità
posso nascondere fallimenti.
A quale luna
posso chiedere udienza.
Quale destino mancare.
E astenermi da che.
Votarmi a che.
Sono una mezza stagione
che non allieta i pic nic.
Una mezza pensione
per boh, non si sa chi.



*

Mia madre era paesaggio.
A sera, la aravo di carezze.
A sera, bevevo alla sua fonte.
Quando sprecava tempo,
diventava più piccola.
Solo zigomi e sguardi.
Solo zigomi e sguardi,
mentre io la aravo di carezze.
Mia madre era alta collina.


Fotografia di proprietà dell'autore. 

 

e-max.it: your social media marketing partner

Aggiungi commento


IL CENTRO CULTURALE “DON BERNINI
E
IL COMUNE DI BORGOMANERO
organizzano
IL VENTISEIESIMO PREMIO LETTERARIO
CITTÀ DI BORGOMANERO


REGOLAMENTO:
Leggi tutto...

Ultimo Numero

ATELIER96

International

Phronein

PhroneinCover

Phronein nr. 3

Newsletter


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.