Poesia italiana

Antonio Perrone - Tre inediti

56775827 2025789294390791 3852720792773066752 nAntonio Perrone (Napoli 1991) è dottorando in Filologia presso l’Università Federico II, con una tesi sulla lirica barocca. Ha lavorato sulla metrica di Pagliarani in un saggio pubblicato su COntemporanea 2017 (Fabrizio Serra editore) e in un altro su Testo a Fronte (in corso di pubblicazione). È redattore di Levania Rivista di Poesia, e ha pubblicato degli inediti su Nazione Indiana, Poetarum Silva, Levania. Ancora al 2017 risale la sua prima raccolta di poesia (Limina Mentis), e un lavoro di silloge con commento ai poeti italiani del ‘900 (Aracne).

e-max.it: your social media marketing partner
Antonio Perrone
Tre inediti


Je te mette ‘o scuro ‘n faccia
‘a capa sotto ‘o velo
vulesse nun capisse ma tu capisce ‘o stesso

Tiene ll’uocchie ‘e na jatta
tu ce vide ‘a ‘into ‘a notte
scuse ‘e ppezze ‘a ‘into ‘e ttoppe
e m’’e azzicche a ddoje ‘n fronte

‘A ‘into ’o suonno m’’ê ditte
je te mette sti ppezze
ca so’ ddoje fenestelle
si vvuó ‘e ‘nsierre o ‘e scuvierchie
tanto già sî 'ccecato.

Io ti metto il buio sul volto, la testa sotto il velo. Vorrei tu non capissi, ma tu capisci lo stesso. Hai gli occhi di una gatta, tu ci vedi nella notte. Scuci le pezze dalle toppe, e me le ricuci a coppie sulla fronte. Nel sogno mi hai detto, io ti metto queste pezze che sono due finestrine, se vuoi le sigilli, se non vuoi le socchiudi, tanto già non ci vedi.


*

‘A mana arrugnata se ‘ndorza
‘a ‘into ‘a ppose ca pareno ‘e plastica
‘e ddete se imponteno e ll’ogne
s’arrizzeno e tu nun te ne adduone
ca assumiglieno a ‘e piglie ‘e nu povero
scemo ‘sti mmosse ca faje mentre cirche
na scarda caduta ‘a ‘into ’o specchio
o na senga appannata d’’a porta.

Si putisse nun correre ‘e pprete
s’avutasseno a mille culure
     sultanto pe tte
t’arapesseno ll’uocchie
però tu t’accuntiente ‘e vedè
sulamente cu ‘e rrecchie

La mano contratta si irrigidisce in gesti che sembrano di plastica. Le dita si bloccano e le unghie si drizzano, e tu non te ne accorgi che assomigliano ai pigli di un povero pazzo questi movimenti che fai mentre cerchi un frammento caduto dallo specchio, o una soglia malchiusa nella porta. Se potessi non correre le pietre si aprirebbero in mille colori soltanto per te, ti aprirebbero gli occhi, però tu ti accontenti di vedere solo con gli orecchi.


*

Vulesse ca ‘e pparole meje fosseno prete
pesante ca ‘nchiummasseno pe’ tterra chi ‘e
rrecoglie
sti prrete se vuttasseno pe’ faccia e maje areto
cugliesseno ogne vvota a nu samento e no ‘a
ddo coglio

Vulesse ca ‘e pparole meje fosseno rocce
ferrigne ca nemmeno cu ‘o martiello se
scassesseno
ca cadesseno d’’o cielo comme a chioggia
e cummigliasseno ‘e fetiente fino a scoccia

Vulesse ca ‘e pparole meje fosseno ‘e fierro
e invece songo ‘e miele doce doce
me scorreno ‘a dint’’e mmane comme a
nniente
e je nun saccio pecché porto chesta croce

Vorrei che le mie parole fossero sassi pesanti, che schiacciassero a terra chi li raccoglie. Questi sassi si lancerebbero in faccia e mai alle spalle, e farebbero sempre centro sui maligni. Vorrei che le mie parole fossero rocce di ferro, che nemmeno con un martello si spezzassero, che cadessero dal cielo come la pioggia, e coprissero gli abbietti fino al collo. Vorrei che le mie parole fossero di ferro, e invece sono di miele dolcissimo. Mi scorrono tra le mani come fossero niente, e io non so perché sopporto questa croce.

 


Fotografia di proprietà dell'autore.

e-max.it: your social media marketing partner

Aggiungi commento


VENTICINQUESIMO PREMIO LETTERARIO
CITTÀ DI BORGOMANERO
 

Ecco i finalisti

Ultimo Numero

ATELIER91

International

Phronein

Newsletter


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.