Recensioni
Rate this article

Daniele Giustolisi "Se scendevi per strada" (Capire edizioni 2019) - Lettura di Francesco Diego Tosto


GIUSTOLISIDaniele Giustolisi, Se scendevi per strada, Capire edizioni 2019

Lettura di Francesco Diego Tosto



Nell’arco di un decennio trascorso a tradurre la propria vita in poesia – dalla prima raccolta Se poi dal buio uscisse la luce (Il filo, 2010) alla recente Se scendevi per strada (Capire Edizioni, 2019) Daniele Giustolisi – vincitore del premio Le Stanze del tempo 2019 / Fondazione Claudi - apre entrambi i titoli dei suoi libri con un se ipotetico a testimonianza della condizione drammatica dell’uomo viator, mai sazio di luce, alla continua ricerca di un approdo, di un varco non da descrivere o indicare ma da cercare.

I versi del poeta siciliano in questo nuovo testo, diviso in tre sezioni (Sopra i tetti di Myles-Una bologna di mille città- Mondrian hotel), appaiono più maturi e consapevoli, la loro sintassi libera, intenzionalmente frantumata, coinvolgente, e il loro afflato puro e incorrotto. «Cos’è questo filo segreto che unisce le storie?» si chiede l’autore (p.60), con la consapevolezza di una diffusa e latente tensione, che permea le pagine di un seducente diario di emozioni forti e dolorose, un alternarsi ossimorico tra il senso e l’incomprensibile, il buio e il lampo di una luce, la lotta e la resa, lo scoramento e la speranza. Si direbbe che l’animo di Giustolisi, sia pervaso da un’inquietudine lacerante e senza via di uscita, se non accrescessimo l’intensità di tale condizione di un significato più ampio e nobile, e cioè l’umano e vitale desiderio di aborrire una deludente quiete per catturare la totalità e sconfiggere il vuoto, il deserto dell’esistenza.

e-max.it: your social media marketing partner
In tale strenua e generosa fatica il privilegio della poesia viene a soccorrere con «il trucco delle parole» (p. 23) l’umana fragilità e la pena di uno «strano dolore» (p.11) che continua a mostrarsi, di un precipizio in cui «perdere il senso delle cose» (p. 17), di un «silenzio di macerie» (p.36). Per ogni individuo – incalza il giovane poeta, nonché giornalista e musicista - «quanto è terribile vedere e non poter dire» (p. 27); eppure il verso può raggiungere vette impensabili, alzarsi vibrante dal momento che «siamo per la morte ma non per il nulla/siamo fatti per restare» (p.62). E in virtù di tale persuasione, forse consolatoria ma energica e fiera, Giustolisi scruta il silenzio della sua interiorità valorizzando i possibili «lampi di meraviglia del niente in questo vagare da orfani» (p.67) e, con un invito affine alla “social catena” leopardiana, esclama con malcelata commozione: «guardiamoci attorno/vegliamo/odoriamo gli odori/stiamo vicini nel vuoto che abbuia» (p.24). Tutto intorno, infatti, non è muto ma silenzioso; spetta all’uomo «tentare il silenzio» (p.37), dargli voce, trovare il centro. I segreti non sono inaccessibili, sono «fragili come ogni bellezza» (p. 79), aspettano solo di essere violati.

L’interrogativo della raccolta rimane comunque angosciante: «Che accadrà di noi domani? » (p.48). L’uomo rimarrà immerso nella sua solitudine, «perso in questo imbarazzo dello stare al mondo» (p.37), «stramazzato e arreso dopo l’ultima carezza dei poeti» (p.27)? Forse sarà così, ma «la bellezza è qui» (p.13), proprio nella canzone triste, nella malinconia che affiora dolcemente, nella convinzione di non essere soli ma «davvero insieme/sotto questo sole d’agosto» (p.35), che sembra intorpidire ogni spontanea risorsa. Forse anche il poeta dovrà rassegnarsi a perdere «si perde sempre in poesia» (p. 36), ma avrà in ogni caso sperimentato «il sussulto del cuore (p. 60) », «la grazia di ogni dolore» (p.79), e sarà rimasto sveglio e avrà studiato fino a tardi «per non morire mai davvero» (p.72).

Su queste suggestive certezze la poesia di Daniele Giustolisi offre nel panorama poetico contemporaneo un contributo rilevante di riflessione e di scandaglio del mondo interiore, nonché una sfida ad ogni realtà esterna sorda e incolore. La sua poesia trova un fondamento ispiratore nell’elezione dello spirito, nella dimensione gnoseologica di un verseggiare inquisitorio, nonché nel suo essere fuori dai recinti asfittici dei gruppi intellettuali. I giovani poeti come lui sono nati sempre già vecchi, riescono a dire ciò che non sanno dire, pur sapendo in quanto uomini di essere del «poco niente» (p. 60); nella dialettica del vivere essi mantengono uno sguardo fanciullo e adulto, discreto e curioso, affacciati come sono alla vita in attesa di una pur minima rivelazione.

 


e-max.it: your social media marketing partner

Aggiungi commento


Pubblicate le poesie finaliste

del

VENTISEIESIMO PREMIO LETTERARIO

CITTÀ DI BORGOMANERO

Votazioni on-line dal 01 al 20 aprile 2020

La premiazione è stata rinviata in autunno.

 

Leggi tutto...

Ultimo Numero

ATELIER96

International

Phronein

PhroneinCover

Phronein nr. 3

Newsletter


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.