Utimo numero
Rate this article

Atelier 91: "Tempo di chiarimenti" - Noemi De Lisi "Il poema dell'orfano" di Andrea Fallani

ATELIER91
e-max.it: your social media marketing partner
Atelier 91
Tempo di chiarimenti



Da Noemi De Lisi: il poema dell’orfano
di Andrea Fallani


La stanza vuota (Giuliano Ladolfi Editore, Novara, 2017) di Noemi De Lisi è un poemetto che solo esteriormente, per lo stile prosastico dei versi, può dirsi narrativo; perché in realtà nessuna storia viene raccontata e nessun gesto o evento può dirsi veramente accaduto. Tutto è filtrato dalla prospettiva di un io lirico che stenta a prendere consistenza, e allo stesso tempo tenta disperatamente di identificarsi con l’altro, la madre prima, Anna poi, il padre, forse, negli ultimi allucinati e allucinanti “capitoli” del libro. La memoria di questa voce parlante è inattendibile: sembrano sfuggire i perché, i nessi di causa-effetto, così che tutta la realtà esterna si deforma, si sfalda davanti agli occhi del protagonista; pagina dopo pagina cresce la sensazione che quanto ci viene “raccontato” sia inattendibile, che la psiche del soggetto crei certe immagini, inventi ricordi, tenga in vita ciò che invece è morto. Per capire il fondo di questa poesia intrisa di un dolore che non ha origine e di un senso di perdita costante, dobbiamo rifarci al concetto psicoanalitico di orfano.
[...]


Aveva scelto pochi ricordi da ripetere a memoria.
Vissi con lei così a lungo che ignaro li imparai tutti.
E se lei cominciava a recitare:
“Presi a scendere la rampa correndo,
avevo in braccio il mio bambino,
il suo corpo sussultava a ogni gradino
mentre io lo riempivo di lacrime”.
risuonava in me come un vissuto da protagonista.


Si tratta di una personalità incapace di prendere una forma, una consistenza e una memoria propria e con il bisogno spasmodico di identificarsi con l’Altro; come avviene con Anna nella seconda sezione del poema: «Sembriamo uguali», «I segni formavano delle parole, più premevo, più rimanevano: Anna sei tu. / Era il tuo nome per dirmi ogni volta, il tuo nome al posto del mio». Mentre il rapporto con la madre, o meglio, il tentativo di identificarsi con lei superando le barriere del corpo, era governato dallo sguardo, nel secondo tempo il mezzo privilegiato è la voce, in particolare il nome di lei che finisce per diventare il nome di entrambi: «e ricominciavamo, finché tra le mani non ebbi ANNA e lei non ebbe più niente» e «Non avevo mai incontrato qualcuno con il mio stesso nome»



ABBONAMENTI O ACQUISTO DEL SINGOLO NUMERO


INFO, QUI. 



CREDIT CARDS PAYPAL
e-max.it: your social media marketing partner

Aggiungi commento


VENTICINQUESIMO PREMIO LETTERARIO
CITTÀ DI BORGOMANERO
 

Ecco i finalisti

Ultimo Numero

ATELIER91

International

Phronein

Newsletter


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.