Arretrati
Rate this article

Atelier 82 - "La stagione del dilettantismo arrogante"

A82 2

e-max.it: your social media marketing partner

Atelier 82

"La stagione del dilettantismo arrogante"

 


IN QUESTO NUMERO

 

Il presente numero di «Atelier» è orientato ad aprire una collaborazione internazionale con altre riviste estere per favorire la diffusione della poesia italiana contemporanea in altre lingue, tramite un connubio di traduzione e di riflessione saggistica da realizzare con coloro che operano in maniera a noi speculare. In questo senso ospitiamo tre poesie di Fabio Pusterla, nella versione italiana e in traduzione francese.

Se l’editoriale risuona come una chiamata alle armi contro il dilettantismo diffuso nei confronti della parola poetica e del suo uso attuale, l’operazione diretta da Massimo Migliorati mostra come la collaborazione con traduttori e studiosi in campo internazionale possa rappresentare una ricerca di qualità idonea a riportare la poesia italiana al centro di un serio dibattito oltre i confini nazionali. La poesia di Pusterla, già conosciuta all’estero, ci permette di realizzare quel ponte che cerchiamo in una duplice direzione.
Ad esempio, il progetto portato avanti dalla nostra redattrice Francesca Benocci e da Julian Peters esplora un recupero dei classici della poesia occidentale tanto nel senso di una loro aggiornata traduzione in italiano quanto nel senso di una loro trasformazione in nuove forme artistiche, come i disegni dell’artista canadese chiaramente dimostrano, al fine di perpetuarne la qualità letteraria con rinnovate soluzioni.

Per le nostre interviste, Jacopo Mecca ci proietta in un dialogo con Valerio Magrelli incentrato sulla sua seconda produzione, approfondendo un campo spesso tralasciato e le sue ragioni intrinseche.

Questo numero ospita anche, come di consueto, una nostra esplorazione sulla nuova poesia italiana, sia dal lato delle poetiche che da quello della produzione editoriale: troviamo così il saggio di Giuliano Ladolfi su Massimo Gezzi, il contributo militante di Alberto Comparini su Alessandro Broggi e la prima parte del dossier curato da Diego Bertelli sulle imprese artigianali che nell’editoria contemporanea lavorano sulla poesia.

Per lo spazio Voci italiane, abbiamo il piacere di ospitare un’anticipazione dal prossimo libro dell’autrice dela catalogo Einaudi Giovanna Rosadini, introdotta da Maria Grazia Calandrone, e una silloge di Sofia Fiorini, recente finalista al Premio Rimini, cui abbiamo chiesto una scelta di inediti, introdotti da Isabella Leardini.

 

Guido Mattia Gallerani

SOMMARIO

     Editoriale
5   La stagione del dilettantismo arrogante      
     Giuliano Ladolfi

8   In questo numero     
     Guido Mattia Gallerani

      Progetto
9    Impression du matin      
      Julian Peters 
12  Partners in Rhyme: Francesca Benocci e Julian Peters      
      Francesca Benocci


      Tremila parole per la poesia
15  La "postpoesia" di Alessandro Broggi. Lettura di Avventure minime (2014)
      Alberto Comparini        

       Dossier

21  La poesia fa da sé? Un'intervista a Sartoria Utopia      
      Diego Bertelli (a cura di)
      
      Intervista

26  A colloquio con Valerio Magrelli
      Jacopo Mecca

       Saggi
38  Massimo Gezzi: l'attimo dopo" e "l'attimo durante" 
      Giuliano Ladolfi


      Voci
      Sofia Fiorini - La promessa
55  Presentazione di Isabella Leardini
56  Testi

      Giovanna Rosadini - Il mare fuori stagione 
62  Presentazione di Maria Grazia Calandrone 
63  Testi

      Voci internazionali
      Tre traduzioni per Fabio Pusterla
68  Presentazione di Massimo Migliorati     
      Traduzione in francese:
      Florence Courriol (Terra di lavoro)
      Brune Seban (Folla sommersa)
      Claire Pellissier (Verbale delle cose non dette)

       Premio letterario di poesia, critica e traduzione
95  "Atelier: vent'anni di poesia": bando

 

 


ABBONAMENTI O ACQUISTO DEL SINGOLO NUMERO

INFO, QUI:

CREDIT CARDS PAYPAL

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

e-max.it: your social media marketing partner

Aggiungi commento


VENTICINQUESIMO PREMIO LETTERARIO
CITTÀ DI BORGOMANERO
 

Ecco i finalisti

Ultimo Numero

ATELIER 94Gian Mario Villalta è nato a Visinale di Pasiano (PN) nel 1959, vive a Porcia. Ha pubblicato i libri di poesia: Altro che storie! (Campanotto, 1988), L’erba in tasca (Scheiwiller, 1992), Vose de Vose/ Voce di voci (Campanotto, 1995 e 2009), Vedere al buio (Sossella, 2007), Vanità della mente (Mondadori, 2011, Premio Viareggio). Numerosi gli studi e gli interventi critici su rivista e in volume, tra cui i saggi La costanza del vocativo. Lettura della “trilogia” di Andrea Zanzotto (Guerini e Associati, 1992), Il respiro e lo sguardo. Un racconto della poesia italiana contemporanea (Rizzoli, 2005). Ha curato i volumi: Andrea Zanzotto, Scritti sulla letteratura (Mondadori, 2001) e, con Stefano Dal Bianco, Andrea Zanzotto, Le Poesie e prose scelte (Mondadori, 1999). Del 2009 è il non-fiction Padroni a casa nostra (Mondadori). I suoi libri di narrativa: Un dolore riconoscente (Transeuropa, 2000), Tuo figlio (Mondadori, 2004), Vita della mia vita (Mondadori, 2006), Alla fine di un’infanzia felice (Mondadori, 2013), Satyricon 2.0 (Mondadori, 2014), Bestia da latte (SEM, 2018). È direttore artistico del festival Pordenonelegge.

International

Phronein

Newsletter


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.