Poésie italienne

Tommaso Gazzolo - Inediti

GAZZOLOTommaso Gazzolo (Parma, 1984), vive e lavora tra Genova e la Sardegna, dove è ricercatore in Filosofia del diritto all’Università di Sassari. Tra le sue pubblicazioni scientifiche: “Montesquieu e la scrittura della legge” (2014), “Essere/Dover essere. Saggio su Kelsen” (2016) e “Il caso giuridico” (2018). Questi sono i suoi primi versi pubblicati.

e-max.it: your social media marketing partner
Tommaso Gazzolo
Inediti



Prose Poetiche 



1996.

                Le cose si trasformano / non appena le tocchi. Ragazzi d’estate quando facemmo quella
passeggiata in bicicletta la bella cupa città I rejoice to see it, and think accanto alla vecchia ferrovia
tra le automobili e la via di mezzo che scivola in basso verso una palestra di boxeur e le vetrine di
un parrucchiere la stessa città / che una volta smise di esistere che vidi con te, quando giocavamo a
pallone e stavamo male, dove erano i ponti, le passeggiate tra i campi e i cani azzurri / dove sono il
cimitero di Holzminden e le macchine usate, i signori Zinke, la messa luterana.
                E allora perché hai pianto per così lungo tempo, Rebecca?
                Ho pianto per tutte le volte che sono caduta da cavallo / ho pianto senza piangere / sono i
miei occhi ad esser fatti di lacrime di me stessa / occhi di vecchie storie per bambini / di secolari
contese e that which is just / di pubblicazioni / di piatti rotti sul pavimento / occhi di caccia alle tigri
/ per così lungo tempo ho sognato attraverso di essi, hol dir dein photo / non saremo mai più così
giovani di quanto lo siamo adesso / io ragazza dell’estate, in noi die werden hipegern auf den Mist /
bambine Dunkirk ripetizioni di tedesco per te, scale che scendono, polvere.
                E cosa hai sognato, Rebecca, per così lungo tempo?
                Ho sognato di distruggere la mia generazione, di tagliarmi i capelli nel bagno di una scuola,
di non parlare mai di chi io sia / di portare fino allo steccato i miei ventidue anni / ma senza esserne
sicura / ho sognato per così lungo tempo di essere felice, di andarmene per la mia strada / ho
sognato topi, chiodi / ho sognato when i was young i knew that i would die per così lungo tempo di
non sognare / comment vivre ensemble se non essendo diversi da noi / buttandosi per la prima volta
in un cinema o dimenticare per poter scrivere, lei che diceva che non ha gli anni che ha / le parole
nere, le città che hai visto senza di me.
                 Per così lungo tempo io, invece, ti ho aspettato,
                 certo per le ragioni sbagliate, per modum / intelligo substantiae affectiones, sive id, quod in
alio est, per quod etiam concipitur, azione persa in uno stato di cose / dove hai lasciato andare i tuoi
anni, sempre più soli / sono ora semplici verità, mani fatte di linee e pugnali, ho aspettato i giorni
che fossero già passati ho aspettato nella mia testa / gli indiani/ il venire meno del respiro / poi ho
incontrato te/
                Ho incontrato te per così lungo tempo che non piangevi più, Rebecca
                e che passavi avanti, senza riconoscermi.

 





*


Niente di personale.


              Chissà quando saresti arrivata, illuminata dai piccoli e ordinati lampioni in stile liberty di
questa terrazza / pensavo tra me e te dove sei? / chiedo e non chiedo a nessuno in questo odore di
tempo, di cronache della banda XXII ottobre, mentre alle cose più semplici non ci si pensa mai.
              Cosa si farà domani, come sarà svegliarsi? / e scarabocchiavo linee e cerchi, gli anelli di
fumo e di zanzare i cavi d’acciaio del ponte di Brooklyn poi assente, perdo il mio tempo:
              non un’azione, ma il suo mancamento e così mancato dagli altri manco ogni storia o gesto di
padre / che lasci bruciare il mio corpo e buonanotte amore, buonanotte schatz. Qui si contano i resti
della spesa e si ascolta il rumore notturno dei topi, di business e pioggia: ora che sono in pensione,
diceva Giacomo, ora che dovrei riposare, non contate su di me / e ho una fame da lupi, sapete? .
             Ti ho vista ad una mostra di Picasso e mi hai chiesto quanti morti ci fossero stati / per quel
ponte crollato. / Ma noi rovineremo le rovine e ci porteremo via quello che vogliamo /dimmi come
è andata, poi, quando tutto un giorno sarà finito, quando / a notte fonda, Elisabetta avrebbe
concepito un figlio, solo un po’ di fumo negli occhi della gente, ma tu / senza di te non potrei più
muovere una mano, scrivere una relazione per un convegno, prendere il prossimo aereo / una
scomunica e la lunga solitudine di chi vive, come me, in un mondo che non è più - e che non è mai
stato - , tanto che non saprei neppure dirti / dove in questo momento io sia, dove mi trovi forse con
l’ultimo pellerossa him make Indians learn read e se questa casa di campagna, i suoi abitanti, le
scale che continuo a scendere e risalire, si siano poi davvero accorti di me/ del mio silenzio.
            Fotografie della vecchia Sondrio bottiglie d’acqua per la notte e fumetti di bambini ora
vecchi, tra i dischi e i fucili ancora il vecchio telefono, sulla sua mensola in betulla: speriamo non
squilli mai più / mi dico rasandomi bearing a bowl of latherallo specchio, speriamo che domani sia
bel tempo, che sia felice, per un poco, anche io.





Fotografia di proprietà dell'autore. 

e-max.it: your social media marketing partner

Add comment


Security code
Refresh

VENTICINQUESIMO PREMIO LETTERARIO
CITTÀ DI BORGOMANERO
 

Ecco i finalisti

Ultimo Numero

ATELIER 94Gian Mario Villalta è nato a Visinale di Pasiano (PN) nel 1959, vive a Porcia. Ha pubblicato i libri di poesia: Altro che storie! (Campanotto, 1988), L’erba in tasca (Scheiwiller, 1992), Vose de Vose/ Voce di voci (Campanotto, 1995 e 2009), Vedere al buio (Sossella, 2007), Vanità della mente (Mondadori, 2011, Premio Viareggio). Numerosi gli studi e gli interventi critici su rivista e in volume, tra cui i saggi La costanza del vocativo. Lettura della “trilogia” di Andrea Zanzotto (Guerini e Associati, 1992), Il respiro e lo sguardo. Un racconto della poesia italiana contemporanea (Rizzoli, 2005). Ha curato i volumi: Andrea Zanzotto, Scritti sulla letteratura (Mondadori, 2001) e, con Stefano Dal Bianco, Andrea Zanzotto, Le Poesie e prose scelte (Mondadori, 1999). Del 2009 è il non-fiction Padroni a casa nostra (Mondadori). I suoi libri di narrativa: Un dolore riconoscente (Transeuropa, 2000), Tuo figlio (Mondadori, 2004), Vita della mia vita (Mondadori, 2006), Alla fine di un’infanzia felice (Mondadori, 2013), Satyricon 2.0 (Mondadori, 2014), Bestia da latte (SEM, 2018). È direttore artistico del festival Pordenonelegge.

International

Phronein

Newsletter


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.