Poetry in translation

John Ashbery – “The New Realism” (inedito)

ASHBERYJohn Ashbery (Rochester, 1927) è  considerato il  massimo esponente della scuola poetica newyorkese. Autore di oltre venti  libri di poesia, è stato insignito di numerosi premi e riconoscimenti,  tra cui il Premio Pulitzer, il National Book Award, il Premio Bollingen e  il riconoscimento dell'Accademia dei Lincei; è stato il primo poeta di  lingua inglese a vincere il Grand Prix de Biennales Internationales de  Poésie di Bruxelles e, nel 1992, ha vinto il Premio Feltrinelli per la  poesia internazionale. Professore di letteratura al Bard College,  vive tra New York e Hudson. Il suo primo libro pubblicato in Italia fu  Autoritratto in uno specchio convesso (Milano, Garzanti, 1983), con  un'introduzione di Giovanni Giudici e traduzione di Aldo Busi e per il  quale Ashbery ricevette il Pulitzer  Prize, il National Book Award e il National Book Critics Award.In italiano sono attualmente reperibili i volumi Un mondo che non può essere migliore. Poesie scelte 1956-2007 (traduzione di Damiano Abeni e Moira Egan; Roma, Luca Sossella editore, 2008), Fiumi di ali (traduzione di Damiano Abeni e Marco Giovenale; Brescia, L'Obliquio, 2007), Syringa e altre poesie (traduzione di Edoardo Albinati; Roma, Il labirinto, 1999)

e-max.it: your social media marketing partner

John Ashbery

"The New Realism"
from The Tennis Court Oath  © 1962 by John Ashbery. Reprinted by permission of Wesleyan University Press.
(traduzione dall'inglese di Damiano Abeni)


Atelier è la prima testata al mondo a proporre in versione integrale on-line la poesia "The New Realism" sia in originale che in traduzione.

 


THE NEW REALISM
ashbery 02
I have lost the beautiful dreams
That enlisted on walking,
Cold and waiting. That world is a war now
The portable laugh eclipsing another place
The warrior's bonnet holds sand.
The blond headdress is soggy
The ray-carried your picture away
If space could imagine a pilot
The clouds were rags, wheat the sun
A small dancer decorated the coverlet with gore
a perforated fountain assumed
That the center was the right one
The one with peach halves and violets
And buzzing soda waters
Out of the serene
Blackening with space, its blankness
Cast waterward, the grim engine
Chugging, denial at first
You see you cannot do this to me
Why, we were differing
The eyes and clitoris a million miles from
The small persistent tug.
The tree streamed with droppings
Mountain air the subject of our three conversations
The child skipped happily over
The western pages—even better than it is
Stones of day
Police formed a boundary to the works
Where we played
A torn page with a passionate oasis
Shall we ask them to
The kitty, the outgrown stone keeps up
The grass and solid ovaries
A pineapple near
And the lumber over the rear plant
You especially not because you're known
That tree of noon—pretext of tour roots
Are among several dopes
On the loony stock exchange
Near your dumb bank.
You often asked me after hours
The glass pinnacle, its upkeep and collapse
Knowing that if we were in a barn
Straw panels would . . .   Confound it
The arboretum is bursting with Jasmine and lilac
And all I can smell here is newsprint
The tea went down
All went down easily
He keeps coming back, the curse
Of pliant dawns
Braiding afternoons—a whistle to be the result
On same nights in their climate president
His term packed with ice
The sideaboard burst under million of candles
And hope . . . a gray Niagara.

Under the crushed water on the rock
Dove affects man . . . in his burden
Compounded of cannibalism and hush
Mice roar and an Ethiop
Sprinkles lead beads over the clay babe
Once the oxygen is removed the
Arms can move freely again.
The soldiers sigh confortably
In their garrison, you do not trust me any more.
A rainy day brought us the truth
The suffragette had proclaimed
And the wax has shuffled
Only beauty offered sin
Out of the round and the oval
Something to match the edges of dawn
The house where it took place
Pardon on the face of the tall wall
That land burned season on it scum
The fence removed and all the tile gone.
Again, going up in a baloon
Reading from the pages of the telephone directory
The scooter and the Ethiop had gotten away
The building was to be torn down
A pleasant wink . . . you said the sun was setting
And there were only more rollers,
More Nile . . .  In these moments I often think of the man
Who . . . payments acceded to the night
Of his claim a perfect universe
Onyx, imperturbable, moderate . . . you see the session was letting out
One came up to me
They veil the sky
Cast down in new purity, the cargo
A sky, the lever anyway
The plantation crew of three
Were never awarded.   Mixed
With indistinguishable day, and night, the new moon
Turning with ash under the way
Crowds into the night stopped at fall
Lights stream undeniably away
The purgation is cheap. Blocked by a heavy truck
Shift your ballast, radiant
In gingham
The sheriff
Culled, all superior, and the grain
Disappeared forever, the haven
Which the ranch
Torn flower topping curious day.
A mast of all not eliminated
Fixing the way you smile
The sunbeams carried to me
The trail . . . stopped only where you overstepped
And libation.  The answer had ended,
Clouds mounted swiftly, the furniture
Ages away by the torn page of the book
Forgotten in the sun
The pink moth close to its border
A millionth change
If we must go on
And the oasis in flames
The desert mutated, the Nubians plunged in dreams
Scared by owls. You have to exact the forfeit
We change this concave block, the difference between us three
The peak guards mist his door
A table for three
The light goes out—it exudes
Your idea—perched on some utterly crass sign
Not the hardest either, but adoption is no way
There was calm rapture in the way she spoke
Perhaps I would get over the way the joke
Always turned against me, in the end.
The bars had been removed from all the windows
There was something quiet in the way the light entered
Her trousseau. Wine fished out of the sea—they hadn't known
We were coming relaxed forever
We stood off the land because if you get too far
From a parfume you can squeeze the life out of it
One seal came into view and then the others
Yellow in the vast sun.
A watchdog performed and they triumphed
The day was bleak—ice had replaced air
The sigh of the children to former music
Supplanting the mutt's yelps.
This was as fas as she would go—
A tavern with plants.
Dynamite out over the horizon
And a sequel, and a racket. Dolphins repelling
The sand. Hosts of bulldozers
Wrecked the site, and she died laughing
Because only once does prosperity let you get away
On your doorstep she used to explain
How if the returning merchants in the morning hitched the rim out of the van
In the evening one must be very quick to give them the slip.
The judge knocked. The zinnias
Had never looked better—red, Yellow, and blue
They were, and the forget-me-nots and dahlias
At least sixty different varieties
As the shade went up
And the ambulance came crashing trough the dust
Of the new day, the moon and the sun and the stars,
And the iceberg slowly sank
In the volcano and the sea ran far away
Yellow over the hot sand, green as the green trees.

 


"The New Realism"
dalla raccolta The Tennis Court Oath  © 1962 by John Ashbery. Riprodotta su autorizzazione della Wesleyan University Press


IL NUOVO REALISMO
ashbery 03
Ho perso gli splendidi sogni
che si arruolavano al risveglio,
freddo e in attesa. Quel mondo è una guerra adesso
il sorriso portatile eclissa un altro luogo
la cuffietta del guerriero è colma di sabbia.
Il copricapo biondo è fradicio
il raggio ha asportato la tua foto
se lo spazio potesse immaginare un pilota
le nuvole sarebbero stracci, frumento il sole
una piccola danzatrice ha ornato il copriletto di sangue rappreso
una fontana perforata presumeva
che la cravatta centrale fosse quella esatta di destra
quella con le pesche ammezzate e le viole
e il brusio dell'acqua frizzante
che sgorga dal sereno
annerirsi di spazio, il suo vuoto
lanciato verso l'acqua, il motore tetro
che singhiozza, negazione dapprima
lo vedi questo non puoi farmelo
insomma, avevamo opinioni diverse
occhi e clitoride un milione di miglia da
la minuta e persistente trazione.
L'albero era festonato di escrementi di uccelli
aria di montagna l'oggetto delle nostre tre conversazioni
il bimbo saltò con contentezza sulle
pagine occidentali—perfino meglio di quanto non sia
pietre del giorno
la polizia formò un cordone ai congegni
dove giocavamo
una pagina strappata con un'oasi appassionata
chiederemo loro di
il gattino, la pietra troppo cresciuta sta alla pari
l'erba e le ovaie solide
un ananas vicino
e il legname sulla pianta sul retro
tu in particolar modo non perché sei noto
quell'albero del mezzogiorno—pretesto delle tue radici
sono tra diverse droghe
sul pazzo mercato azionario
vicino alla tua banca ottusa.
Spesso mi hai domandato fuori orario
il pinnacolo di vetro, la sua manutenzione e crollo
sapendo che se fossimo stati in una stalla
pannelli di paglia sarebbero... Che vada
l'orto botanico esplode di gelsomino e lillà
e qui non annuso altro che inchiostro di giornale
il tè è andato giù
tutto è andato giù facilmente
lui torna a venire di continuo, maledizione
delle albe flessibili
che intreccia pomeriggi—che un fischio sia il risultato
alcune sere nel loro clima presidente
il suo mandato stipato di ghiaccio
la credenza esplose sotto milioni di candele
e speranza... un grigio Niagara.

Sotto l'acqua frantumata sulla roccia
la colomba influenza l'uomo... nel suo fardello
composto di cannibalismo e quiete
i topi ruggiscono e un etiope
spruzza perline di piombo sulla pupa d'argilla
una volta che l'ossigeno viene tolto le
braccia possono tornare a muoversi liberamente.
I soldati sospirano comodamente
nella guarnigione, tu non ti fidi più di me.
Un giorno piovoso ci portò la verità
che la suffragetta aveva proclamato
e la cera aveva scompigliato
solo la bellezza offriva peccato
estraendolo dal tondo e dall'ovale
qualcosa che si addicesse agli orli dell'alba
la casa dove accadde
Pardon sulla faccia dell'alta parete
che la terra bruciava stagione su tale feccia
la staccionata tolta e tutta la piastrellatura sparita
Di nuovo salendo in mongolfiera
leggendo dalle pagine dell'elenco telefonico
lo scooter e l'etiope se l'erano svignata
l'edificio andava demolito
un piacevole occhiolino... avevi detto che il sole tramontava
e c'erano solo altre onde,
altro Nilo... In questi momenti penso spesso all'uomo
che... i pagamenti ebbero accesso alla notte
della sua rivendicazione un universo perfetto
onice, imperturbabile, pacata... vedi, la sessione s'era conclusa
uno mi si avvicinò
loro velano il cielo
plasmato in nuova purezza, il cargo
un cielo, la leva comunque
i tre del personale della piantagione
non vennero mai premiati.      Mescolata
all'indistinguibile giorno, e notte, la luna nuova
orbita con cenere sotto al cammino
folle nella notte si fermarono alla caduta
luci fluiscono innegabilmente allontanandosi
la purga è da due soldi. Bloccato da un camion a rimorchio
sposta la tua zavorra, radioso
in percallina a quadretti
lo sceriffo
spigolava, tutto superiore, e il grano
scomparve per sempre, il rifugio
che il ranch
fiore lacerato che corona giornata curiosa.
Un albero maestro del tutto – non eliminato
aggiustando il modo in cui sorridi
i raggi del sole viaggiarono fino a me
il sentiero... si fermò solo dove tu camminasti oltre il dovuto
e libagione. La risposta aveva finito,
nuvole salivano svelte, la mobilia
epoche lontana presso la pagina strappata del libro
dimenticato al sole
la falena rosa vicina al suo confine
un mutamento di un milionesimo
se dobbiamo continuare
e l'oasi in fiamme
il deserto ammutolito, i nubiani sprofondati nei sogni
spaventati dai gufi. Tu devi riscuotere la confisca
noi cambiamo questo blocco concavo, la differenza tra noi tre
le guardie al picco brumarono la sua porta
un tavolo per tre
va via la luce—essuda
la tua idea—appollaiato su un'insegna estremamente crassa
nemmeno la più difficile, ma l'adozione non è modo
v'era un'estasi calma nel modo in cui lei parlava
forse potrei passar sopra al modo in cui lo scherzo
si rivoltava sempre contro di me, alla fine.
Le sbarre erano state tolte da tutte le finestre
c'era qualcosa di cheto nel modo in cui la luce le entrava
nel trousseau. Vino pescato dal mare—loro non avevano saputo
che noi stavamo arrivando rilassati per sempre
noi stavamo fuori dalla terra perché se ti allontani troppo
da un profumo puoi spremerne fuori la vita
una foca apparve e poi le altre
gialle nel sole immenso.
Un cane da guardia si esibì ed essi trionfarono
il giorno era tetro—ghiaccio invece di aria
il sospiro dei bambini alla musica scorsa
che soppiantava i latrati del bastardino.
Era fino a questo punto che si sarebbe spinta—
Una taverna con piante.
Dinamite distante sull'orizzonte
e un seguito, e un trambusto. Delfini sabbia-
repellenti. Sciami di bulldozer
squassarono la costruzione, e lei morì ridendo
perché solo una volta la prosperità lascia che te la cavi
sulla tua soglia lei soleva spiegare
che accadrebbe se i mercanti di ritorno al mattino mettessero al traino l'orlo del furgone
di sera si dovrebbe essere ben svelti a levarseli di torno.
Il giudice bussò. Le zinnie
non avevano mai avuto un aspetto migliore—rosse, gialle e blu
erano, e i non-ti-scordar-di-me e le dalie
almeno sessanta diverse varietà
mentre la persiana s'alzava
e l'ambulanza arrivava sfrecciando nella polvere
del nuovo giorno, la luna e il sole e le stelle,
e l'iceberg affondava adagio
nel vulcano e il mare fuggiva lontano
giallo sulla sabbia calda, verde come gli alberi verdi.


 
John Ashbery (Rochester, 1927) è  considerato il  massimo esponente della scuola poetica newyorkese. Autore di oltre venti  libri di poesia, è stato insignito di numerosi premi e riconoscimenti,  tra cui il Premio Pulitzer, il National Book Award, il Premio Bollingen e  il riconoscimento dell'Accademia dei Lincei; è stato il primo poeta di  lingua inglese a vincere il Grand Prix de Biennales Internationales de  Poésie di Bruxelles e, nel 1992, ha vinto il Premio Feltrinelli per la  poesia internazionale. Professore di letteratura al Bard College,  vive tra New York e Hudson. Il suo primo libro pubblicato in Italia fu  Autoritratto in uno specchio convesso (Milano, Garzanti, 1983), con  un'introduzione di Giovanni Giudici e traduzione di Aldo Busi e per il  quale Ashbery ricevette il Pulitzer  Prize, il National Book Award e il National Book Critics Award.In italiano sono attualmente reperibili i volumi Un mondo che non può essere migliore. Poesie scelte 1956-2007 (traduzione di Damiano Abeni e Moira Egan; Roma, Luca Sossella editore, 2008), Fiumi di ali (traduzione di Damiano Abeni e Marco Giovenale; Brescia, L'Obliquio, 2007), Syringa e altre poesie (traduzione di Edoardo Albinati; Roma, Il labirinto, 1999)

Fotografia tratta da PennSound


Damiano Abeni (Brescia, 1956) è medico epidemiologo ed ha tradotto i più importanti poeti americani contemporanei, tra cui Elisabeth Bishop, Charles Simic, Mark Strand e John Ashbery. Ha curato l'antologia West of your cities (Roma, minimum fax, 2003). Collabora con numerose case editrici e riviste letterarie, e fa parte della redazione di Nuovi Argomenti. È cittadino onorario per meriti culturali di Tucson, Arizona, e di Baltimora, Maryland. Abita a Roma.

 

 

 

 

 

 

 

 

e-max.it: your social media marketing partner

Add comment


Security code
Refresh

IL CENTRO CULTURALE “DON BERNINI
E
IL COMUNE DI BORGOMANERO
organizzano
IL VENTISEIESIMO PREMIO LETTERARIO
CITTÀ DI BORGOMANERO


REGOLAMENTO:
Read more ...

Ultimo Numero

ATELIER96

International

Phronein

PhroneinCover

Phronein nr. 3

Newsletter


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.