Mario Mastrangelo - tre poesie inedite

MASTRANGELO 

Mario Mastrangelo (Salerno, 1946) compone versi nel dialetto della sua città, ed ha pubblicato finora sette raccolte di poesie: 'E penziere r' 'a notte (I pensieri della notte - Salerno, Palladio, , 1992) 'E terature r' 'a mente  (I cassetti della mente - Roma-Salerno, Ripostes, 1994), 'E ttegole r' 'o core (Le tegole del cuore - Ibid., 1997), 'O ccuttone cu 'a vocca (Il cotone con la bocca - Ibid., 2000), Addó 'e lume e 'i silenzie (Dove i lumi e i silenzi - Ibid., 2004), Si pe' piacere appena appena parle (Se per piacere appena appena parli - Catania, Edizioni Prova d'Autore,  2007) e Nisciuna Voce (Nessuna voce - Rimini, Editrice Raffaelli, 2011). Sulla sua poesia si sono espressi critici come Franco Loi, Giorgio Bàrberi Squarotti, Achille Serrao, Luigi Reina, Alberto Granese, Mario Grasso, Lidia Caputo, Francesco Piga, Giovanna Fozzer, Pietro Civitareale, Manuel Cohen. Commenti alla sua opera poetica sono inseriti in volumi di critica letteraria e e raccolte in numerose antologie.
e-max.it: your social media marketing partner
Mario Mastrangelo
(inediti)
.

 .
Si significa quaccosa

È càvera 'a parola
com' ê bbracce 'e chi abbraccia,
nasce, se stacca, vola,
chi sa si ne resta traccia.

A sente si s'aìza o si se posa
o perde voce tu rimane attiento
e a capì si significa quaccosa
o è sultanto nu suono mmiez' ô viento.
.

.
Tu 'a fine pènzala accussì

R' 'a fine se sa sulo ca sta llà
e ogni cavaliere ce galoppa,
e cchiù s'accosta, cchiù forte s'angoscia
a 'maggenà chello ca ce sta roppo.

Si vuó, tu 'a fine pènzala accussì,
com' ô punto r' 'a via ca faje, addó truove
'o cumpagno ca vene a tte rerènno
e te 'mmita a pazzià a nu juoco nuovo.
.

.
E già l'autunno

E già l'autunno ce offre stu scenario
ùmmeto e griggio, rischiarato a stiento:
appriesso a 'a lepre 'e na mappata 'e foglie
correno tutte 'e levriere d' 'o viento.
.

.

.
(traduzioni in italiano effettuate dall'autore)
.

.

.
Se significa qualcosa

È calda la parola
come le braccia di chi abbraccia,
nasce, si stacca, vola,
chi sa se ne resta traccia.

A sentire se s'alza o se si posa
o perde voce tu rimani attento
e a capire se vuol dire qualcosa
oppure è solo un suono in mezzo al vento.
.

.
La fine pensala così

Della fine si sa solo che è là
ed ogni cavaliere vi galoppa,
e più s'accosta, più forte s'angoscia
a immaginare quello che c'è dopo.

Se vuoi, la fine pensala così,
come il punto della tua via, ove trovi
il compagno che viene a te ridendo
e ti invita a giocare a un gioco nuovo.
.

.
E già l'autunno

E già l'autunno ci offre uno scenario
umido e grigio, rischiarato a stento:
dietro alla lepre d'un mucchio di foglie
corrono tutti i levrieri del vento.



Mario Mastrangelo (Salerno, 1946) compone versi nel dialetto della sua città, ed ha pubblicato finora sette raccolte di poesie: 'E penziere r' 'a notte (I pensieri della notte - Salerno, Palladio, , 1992) 'E terature r' 'a mente  (I cassetti della mente - Roma-Salerno, Ripostes, 1994), 'E ttegole r' 'o core (Le tegole del cuore - Ibid., 1997), 'O ccuttone cu 'a vocca (Il cotone con la bocca - Ibid., 2000), Addó 'e lume e 'i silenzie (Dove i lumi e i silenzi - Ibid., 2004), Si pe' piacere appena appena parle (Se per piacere appena appena parli - Catania, Edizioni Prova d'Autore,  2007) e Nisciuna Voce (Nessuna voce - Rimini, Editrice Raffaelli, 2011). Sulla sua poesia si sono espressi critici come Franco Loi, Giorgio Bàrberi Squarotti, Achille Serrao, Luigi Reina, Alberto Granese, Mario Grasso, Lidia Caputo, Francesco Piga, Giovanna Fozzer, Pietro Civitareale, Manuel Cohen. Commenti alla sua opera poetica sono inseriti in volumi di critica letteraria e e raccolte in numerose antologie.


Fotografia di proprietà dell'autore

 

 

 

 

 

 

 

e-max.it: your social media marketing partner

Add comment


Security code
Refresh