Italian poetry

Alessandro Grippa - Tre inediti

66199029 645043875994282 6158414088016756736 nAlessandro Grippa (1988), vive a Caravaggio. Diplomato al biennio di Arti Visive all’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano, lavora oggi come docente. È presente nell’antologia “Zenit Poesia”, a cura di Stefano Guglielmin e Maurizio Mattiuzza (Milano, La Vita Felice, 2015). “Opera in terra” (LietoColle-Pordenonelegge, 2016 – Premio Europa in versi 2017, Sezione Giovani) è la sua prima raccolta di poesia.
e-max.it: your social media marketing partner

Alessandro Grippa
Tre inediti


ESERCIZIO SULLA NEBBIA

prova a guardare, prova a coprirti gli occhi.
Giuliano Mesa

[...] la visione riparte

nel bianco completo. Guardare è decidere che la nebbia è calata senza poter fare altro: che aspettarselo che provenisse dai colli. Dove prima il paesaggio ora questo muro, di colpo inscenato fuori la finestra. E potrà sembrare che lo spazio stesso scompaia nel chiaro, tornando sui mobili, i libri, la stanza; riportando l’attenzione all’interno della casa. Confusi il dentro il fuori. Come se il pallore ci segua. Al contrario del sole, penseremo poi, che invece distolto

lo sguardo, si vede buio.

*

GLI ANGELI

Li ho dovuto fotografare in un catalogo. Sono troppo in alto.
Antonella Anedda

ci amano da lì, vegliando; se planano
nel sonno è il sogno di una terra
che fanno; non osano le tuniche,
non osano al frusciare,
non vedono che in chiari
sopralluoghi dal cobalto
verso misere sterrate.

e amano.
e noi siamo la scena, noi lo spazio aperto,
di scorcio la presenza
che batte con il piede;
ci sbirciano su tela
dandosi le spalle, miopi per eccesso
di fede. ci vedono

e hanno gli occhi chiusi,
ed è così che noi non siamo
compianti; ma i raggiunti
dallo spirito. esitano

e non esistono. ne siamo noi
origine, termine, discrimine.
commettono le loro vite
in brani, in toni musicali, accesi di cromie;
sono la nudità infantile
che certi poveri pittori di provincia impiegano
immortalando i figli nei panni di immortali,
li puoi sentire in quel vociare, in quelle corse
sulle ghiaie

e calano cineree palme, fronde rigogliose
e mortuarie verso queste nostre braccia tese aperte
come incroci
di noi che suggeriamo
in una dizione, con la nostra voce, a loro
la sola mira presa nella nostra direzione.

*

Allegoria

“Io sono un realista, dunque parlo per allegorie”
Giorgio Manganelli

“alcune cose a parole, altre con il loro senso sottinteso”
Quintiliano

la letteratura, se avviene, è bordo campo.
e non è mai tutto quello di cui disponiamo.
ordina le pizze, discutono al telefono
sul luogo, sull’orario. la lingua letteraria
lo ipnotizza col pensiero di punteggiatura
e conto (salato) delle pizze, delle sillabe.

si affaccia. alla finestra il panorama, la città.
la poesia è abitare le parole, pensa; l’ha detto
uno che fa musica, di professione. si ergono
le case, lungo il litorale, con modestia.
i mattoni disattendono, edificano aliud verbis,
aliud sensu. la comicità del resto è dire ciò

che è successo rendendolo insuccesso.
che firmare è stato necessario, è stato solo il nome
nella sua calligrafia. poi esce. pensa ho un figlio
ho la macchina una casa, il futuro avanti
dietro l’autobiografia. sono le 9 di sera
dove le cose vanno. si siede a bordo strada.


Fotografia di proprietà dell'autore.
e-max.it: your social media marketing partner

Add comment


Security code
Refresh

VENTICINQUESIMO PREMIO LETTERARIO
CITTÀ DI BORGOMANERO
 

Ecco i finalisti

Ultimo Numero

ATELIER 94Gian Mario Villalta è nato a Visinale di Pasiano (PN) nel 1959, vive a Porcia. Ha pubblicato i libri di poesia: Altro che storie! (Campanotto, 1988), L’erba in tasca (Scheiwiller, 1992), Vose de Vose/ Voce di voci (Campanotto, 1995 e 2009), Vedere al buio (Sossella, 2007), Vanità della mente (Mondadori, 2011, Premio Viareggio). Numerosi gli studi e gli interventi critici su rivista e in volume, tra cui i saggi La costanza del vocativo. Lettura della “trilogia” di Andrea Zanzotto (Guerini e Associati, 1992), Il respiro e lo sguardo. Un racconto della poesia italiana contemporanea (Rizzoli, 2005). Ha curato i volumi: Andrea Zanzotto, Scritti sulla letteratura (Mondadori, 2001) e, con Stefano Dal Bianco, Andrea Zanzotto, Le Poesie e prose scelte (Mondadori, 1999). Del 2009 è il non-fiction Padroni a casa nostra (Mondadori). I suoi libri di narrativa: Un dolore riconoscente (Transeuropa, 2000), Tuo figlio (Mondadori, 2004), Vita della mia vita (Mondadori, 2006), Alla fine di un’infanzia felice (Mondadori, 2013), Satyricon 2.0 (Mondadori, 2014), Bestia da latte (SEM, 2018). È direttore artistico del festival Pordenonelegge.

International

Phronein

Newsletter


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.