Ofelia Prodan – Inediti, traduzione di Mauro Barindi

PRODAN

Ofelia Prodan (nata a Urziceni, abita a Bucarest) ha fatto il suo debutto editoriale nel 2007, fra le sue raccolte poetiche si segnalano: Elefantul din patul meu (L’elefante nel mio letto, 2007; Premio per il Debutto dell’Associazione degli Scrittori di Bucarest, 2008; Premio della rivista Luceaf?rul, 2008; selezionata per il Premio Nazionale di Poesia Mihai Eminescu – Opera prima, 2008); Ulises ?i jocul de ?ah / Ulysses and the game of chess, 2011 (edizione bilingue romeno-inglese; Finalista del Premio Letterario Internazionale Città di Sassari, 2016); C?l?uza (La guida, 2012; Premio Nazionale Ion Minulescu, 2013); No exit, 2015 (Premio Nazionale George Co?buc, 2015; Premio Nazionale Mircea Iv?nescu, 2016). Figura nell’antologia Voor de prijs van mijn mond (a c. di Jan H. Mysjkin, Poëziecentrum edizioni, Gent, Belgio, 2013) che comprende 12 dei poeti romeni più rappresentativi degli ultimi 60 anni (Nina Cassian, Nichita St?nescu, Ana Blandiana, Nora Iuga, Ion Mure?an, Mircea C?rt?rescu ecc.). Un’antologia d’autore è uscita in Spagna con il titolo di High (El Genio Maligno, 2017). In Italia ha pubblicato su Nuovi Argomenti e L’Immaginazione e ha sostenuto cicli di letture pubbliche a Milano, Brescia, Roma, Sassari, Alghero e Ozieri. Ha partecipato all’VIII edizione (2013) del Premio Internazionale di Poesia e Prosa Napoli Cultural Classic, vincendo il primo premio per la sezione POESIA in lingua straniera. È membro dell’Unione degli Scrittori di Romania e del PEN Club Romania. Ofelia Prodan
(Inediti)

Traduzione di Mauro Barindi

Elegii halucinogene

Elegie allucinogene

*

elegie halucinogen?

geanta din piele de crocodil e goal? ?i plânge
de teama c? în curând va fi burdu?it?.
sulul de hârtie igienic? mediteaz? toat? noaptea
la sinele s?u ascuns ?i, diminea?a, se înf??oar? ?i se desf??oar?
în jurul sinelui s?u revelat. ciocanul bate nervos
cuie în mânerul fotoliului. cafeaua clocote?te de fericire
în ibricul metalic. pipa puf?ie ?i pufne?te.
geanta din piele de crocodil este
burdu?it? cu organe de crocodil conservate în formol.
sulul de hârtie igienic? intr? în stare
modificat? de con?tiin?? ?i se ilumineaz?.
predic? tuturor metode ?i tehnici de iluminare.
ciocanul se indigneaz? ?i îl bate m?r în cuie,
în schimb, geanta îi soarbe vorbele
în interior ?i organele conservate în formol prind via??.
geanta din piele de crocodil se ilumineaz?
?i devine un crocodil iluminat.
cafeaua clocote?te în culmea fericirii.
pipa se a?az? în fotoliu ?i ascult?
puf?ind ?i pufnind. treptat, se lini?te?te.
inspir? adânc fumul ?i se îneac?, tu?e?te tabagic.
cafeaua d? în foc. focul se stinge. crocodilul ia pipa între din?i.
pipa se sufoc? ?i sucomb?. sulul de hârtie igienic?
st? în pozi?ie de lotus ?i leviteaz? în jurul
camerei care filmeaz? ?i developeaz? aura crocodilului iluminat.

elegia allucinogena

la borsa in pelle di coccodrillo è vuota e piange
per timore che presto sarà stipata di cose.
il rotolo di carta igienica medita tutta la notte
sul proprio io nascosto e, la mattina, si arrotola e srotola
attorno al proprio io rivelato. il martello conficca nervosamente
chiodi nel bracciolo della poltrona. il caffè gorgoglia di felicità
nel bricco di metallo. la pipa sbuffa e risbuffa.
nella borsa in pelle di coccodrillo vengono
stipati organi di coccodrillo conservati in formalina.
il rotolo di carta igienica entra in stato
alterato di coscienza e si illumina.
predica a tutti metodi e tecniche di illuminazione.
il martello si indigna e lo tartassa di chiodi,
invece la borsa ne sugge le parole
al proprio interno e gli organi conservati in formalina riprendono vita.
la borsa in pelle di coccodrillo si illumina
e diventa un coccodrillo illuminato.
il caffè gorgoglia al culmine della felicità.
la pipa si adagia nella poltrona e ascolta
sbuffando e risbuffando. poco a poco si calma.
inspira a fondo il fumo e si soffoca, tossisce da fumatore incallito.
il caffè si sversa sul fuoco. il fuoco si spegne. il coccodrillo afferra la pipa fra i denti.
la pipa si soffoca e soccombe. il rotolo di carta igienica
assume la posizione del fiore di loto e lievita sopra
la camera che filma e sviluppa l’aura del coccodrillo illuminato.

*

elegie halucinogen?

în stomacul sinuciga?, încol?e?te o s?mân??
de vultur împ?iat. ceasul cu baterie
sun? de fiecare dat? în alt? parte a camerei.
inima reciclabil? se încarc? la miezul nop?ii cu electricitate.
din?ii de fier se înfig în stomacul întors
pe dos. vulturul împ?iat zboar? în cercuri concentrice
în jurul becului aprins. inima reciclabil? scoate
bateria din ceas, o înghite ?i sun? insistent la urgen?e.
ambulan?a sose?te la miezul nop?ii.
stomacul intr? în stare de incon?tien??.
este întins cu grij? pe targ?.
vulturul împ?iat îl conecteaz? profesionist la aparate.
din s?mân?a de vultur împ?iat iese
un pui de vultur care î?i pune din?ii de fier
?i se auto-eviscereaz?. ceasul indic? mereu acela?i perete.
stomacul sinuciga? este resuscitat,
apoi trecut pe medica?ie ?i internat la sec?ia
de psihiatrie. în fiecare diminea??, st? lâng? fereastr?
în halat ?i papuci cu bateria fixat? în interior
?i prive?te halucinant cum se învârte
puiul de vultur împ?iat în jurul soarelui artificial.

elegia allucinogena

nello stomaco suicida attecchisce un seme
di aquila impagliata. l’orologio a batteria
suona ogni volta in una zona diversa della stanza.
il cuore riciclabile a mezzanotte si ricarica di elettricità.
i denti di ferro si infiggono nello stomaco
indisposto. l’aquila impagliata vola in cerchi concentrici
attorno alla lampadina accesa. il cuore riciclabile toglie
la batteria dall’orologio, la inghiotte e telefona insistentemente al pronto soccorso.
l’ambulanza arriva a mezzanotte.
lo stomaco perde i sensi.
viene adagiato con cautela sulla barella.
l’aquila impagliata lo collega alle macchine con professionalità.
dal seme di aquila impagliata
esce un aquilotto che si mette i denti di ferro
e si autoevira. l’orologio indica sempre la stessa parete.
lo stomaco suicida viene rianimato,
poi sottoposto a trattamento medico e ricoverato nel reparto
di psichiatria. ogni mattina se ne sta accanto alla finestra
in vestaglia e ciabatte con la batteria fissata all’interno
e guarda esterrefatto come l’aquilotto impagliato
gira intorno al sole artificiale.

*

elegie halucinogen?

ghiozdanul insomniac umbl? bezmetic
în fiecare noapte pe pere?i.
glastra în form? de clepsidr? exerseaz?
o arie cu glas de bariton.
din ghen?, ies juc?riile dezmembrate.
improvizeaz? un teatru de p?pu?i
în vitrina bibliotecii.
o molie danseaz? ame?it? de fumul de opium.
?obolanii rod ce?tile de por?elan
care aplaud? furtunos reprezenta?ia improvizat?.
din ghiozdanul insomniac iese
un sendvi? muceg?it care leviteaz?
cu bagheta de dirijor între din?i în fa?a glastrei.
glastra acompaniaz? irepro?abil reprezenta?ia improvizat?.
?obolanii înregistreaz? totul cu o camer? video minuscul?.
molia execut? printre p?pu?i piruete haotice.
camera înregistreaz?.
sendvi?ul ia camera ?i posteaz? filmul pe youtube.
un regizor independent remarc?
poten?ialul ?i trimite filmul la o competi?ie interna?ional?.
filmul câ?tig? marele premiu.
sendvi?ul muceg?it se descompune în aplauzele
elogioase ale ?obolanilor.
p?pu?ile dezmembrate se îmbr??i?eaz?.

elegia allucinogena

lo zaino insonne vaga confuso
ogni notte sulle pareti.
Il portafiori in forma di clessidra prova
un’aria con voce da baritono.
dalla discarica dei rifiuti escono dei giocattoli smembrati.
improvvisano un teatrino di marionette
nella vetrina della biblioteca.
una tarma balla stordita dal fumo dell’oppio.
i topi rosicchiano le tazze di porcellana
che applaudono fragorosamente lo spettacolo improvvisato.
dallo zaino insonne esce
un panino ammuffito che levita
stringendo la bacchetta da direttore fra i denti davanti al portafiori.
il portafiori accompagna in modo impeccabile lo spettacolo improvvisato.
i topi filmano tutto con una minuscola cinepresa.
la tarma esegue in mezzo alle marionette piroette caotiche.
la cinepresa filma.
il panino prende la cinepresa e posta il film su youtube.
un regista indipendente ne sottolinea
il potenziale e spedisce il film a un festival internazionale.
il film vince il primo premio.
il panino ammuffito si decompone tra gli applausi
di approvazione dei topi.
le marionette smembrate si abbracciano.

*

elegie halucinogen?

cafeaua fierbe de ner?bdare în ibricul cu aripi de libelul?.
balerina de por?elan fierbe de ner?bdare
în vitrina cu ce?ti de cafea.
cafeaua curge nervoas? în ce?tile micu?e cu urechi ciulite.
dup? câteva minute se lini?te?te.
balerina de por?elan ?ine în bra?e un bichon de por?elan
cu p?r cre? de culoarea cafelei cu lapte.
balerina se apleac? gra?ioas? ?i gust? cafeaua
din fiecare cea?c?: o gur? ea, o gur? bichonul cu p?rul cre?.
ibricul î?i întinde aripile de libelul? ?i zboar?
pe fereastr? purtând în spate balerina de por?elan.
planeaz? peste ora?. blocurile se trezesc din somn ?i casc?.
ibricul le toarn? cafea în gurile larg deschise.
blocurile se învioreaz?, fac ochi ?i picioare
?i se plimb? toat? ziua pe str?zi. spre sear?, se întorc la locurile
lor ?i intr? în stare de hibernare.
ibricul cu aripi de libelul? zboar? cu balerina în spate
pân? la cel?lalt cap?t al p?mântului.
cap?tul p?mântului se r?suce?te pe dos ?i balerina
se treze?te la mii de ani lumin? distan?? într-o galaxie îndep?rtat?.
ibricul intr? în stare de ?oc. cafeaua se vars?.
bichonul cânt? cu voce de sopran? ?i execut? piruete
cu grad înalt de dificultate. balerina de por?elan
urm?re?te cu ochi critic printr-o gaur? de vierme fiecare ezitare.

elegia allucinogena

il caffè ribolle d’impazienza nel bricco con ali da libellula.
la ballerina di porcellana ribolle d’impazienza
nella vetrina di tazzine da caffè.
il caffè fluisce nervoso nelle piccole tazzine dagli orecchi tesi.
dopo qualche minuto si calma.
la ballerina di porcellana tiene in braccio un barboncino di porcellana
dal pelo riccio color caffelatte.
la ballerina si china con grazia e assaggia il caffè
da ogni tazzina: un sorso per lei, un sorso per il barboncino dal pelo riccio.
il bricco dispiega le ali da libellula e vola
dalla finestra portando sul dorso la ballerina di porcellana.
plana sulla città. i palazzi si svegliano dal sonno e sbadigliano.
Il bricco versa del caffè nelle loro bocche spalancate.
i palazzi riprendono vigore, si alzano e spariscono
passeggiando tutto il giorno per strada. verso sera ritornano al loro
posto ed entrano in stato di ibernazione.
il bricco dalla ali di libellula vola con la ballerina in groppa
fino all’altra estremità del mondo.
L’estremità del mondo si gira al contrario e la ballerina
si ritrova in una galassia distante migliaia di anni luce.
il bricco entra in stato di choc. il caffè si sversa.
il barboncino canta con voce da soprano ed esegue piroette
con un alto grado di difficoltà. la ballerina di porcellana
segue con occhio critico ogni esitazione da un cunicolo spazio-temporale.


Mauro Barindi è nato a Vicenza nel 1964. Si è laureato in Lingua e letteratura romena presso l’Università di Padova (1993). Durante gli studi universitari ha partecipato ai corsi estivi di lingua, cultura e civiltà romena per studenti stranieri organizzati dall’Università “ Alexandru Ioan Cuza” di Ia?i (1987) e dell’Università di Bucarest (1992). Nel 2006 ha conseguito il Dottorato in Filologia romanza presso l’Università Complutense di Madrid con una tesi su un manoscritto romeno del XVIII secolo. Ha insegnato italiano presso l’Università “ Alexandru Ioan Cuza” di Ia?i,l’Università di Reykjavík, l’Istituto Italiano di Cultura del Cairo, di Tel Aviv e di Lisbona. Nel contempo ha usufruito di borse di studio dedicate ai seminari di formazione per traduttori dal romeno (Bucarest 2009, 2010), e ha partecipato ai laboratori e agli incontri sulla traduzione letteraria dal romeno organizzati dall’Istituto Culturale Romeno di Venezia (2010, 2011, 2015). Ha conseguito inoltrel’attestato di frequenza del corso “Il traduttore editoriale” erogato da Isabella C. Blum (2011). In qualità di traduttore è stato invitato alla presentazione dei libri a fianco dei rispettivi autori al Salone Internazionale del Libro di Torino (a partire dal 2010) e ai festival letterari di Gavoi (2013) e di Mantova (2014). È membro dell’ AIR(« Associazione Italiana di Romenistica» ), autore di vari contributi su aspetti della lingua e della cultura romena, redattore e collaboratore della rivista bilingue interculturale online « Orizzonti culturali italo-romeni» diretta da Afrodita Cionchin, con un rubrica dedicata alla letteratura romena contemporanea e classica con presentazioni di libri e di brani estratti in traduzione (finora una quarantina di articoli) . Debutta come traduttore editoriale con il romanzo di Vasile Andru, Uccelli del cielo (2008), e da allora ha al suo attivo una decina di traduzioni, finanziate in gran parte dal programma TPS  («Translation Programme Support») dell’Istituto Culturale Romeno di Bucarest; fra gli autori di spicco tradotti figurano Ana Blandiana ( Il mondo sillaba per sillaba , 2012;  La mia patria A4 , poesie, 2015) e Florina Ilis ( La crociata dei bambini , 2010;  Cinque nuvole colorate nel cielo d’Oriente, 2012). 

Fotografia di proprietà dell’autrice. 

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
LA NOSTRA CLASSE SEPOLTA, Cronache poetiche dai mondi del lavoro – Antologia a cura di Valeria Raimondi (PietreVive editore, 2019)