Micol De Pas, testi tratti da “Quello che so di me”, Lietocolle 2020

Ultimo aggiornamento:

Micol De Pas è nata a Milano dove vive e lavora. Giornalista, si occupa di musica e letteratura, passando per l’arte e l’architettura. Ha tre figli, un gatto, una laurea in filosofia, due libri all’attivo da ghostwriter. Questa è la sua prima raccolta di poesie.

*

Cosmogonie

La cosmogonia di ognuno
equivale al proprio
ordine mentale
insieme a 206 ossa
650 muscoli
68 articolazioni
il cervello si preoccupa
di fare ordine
di dare ordini
Ma il pensiero
la mente
la psiche?
L’intangibile
naviga in cerca
di cospicui punti
certi
A questo servono
gli alberi genealogici
sinossi di storie familiari
ma altro non sono che pezzi di
un puzzle
incompletabile

*

Love

Cos’è fare l’amore?
Io non lo so
Non conosco la risposta a questa domanda
È semplice – mi dicono –
lo sai come nascono i bambini, no?
Non sono sicura che la tecnica
abbia a che fare
con il travaso della passione
tra due esseri umani
Sto parlando del corpo,
non di un incontro intellettuale
Ancora, convenzioni:
io faccio l’amore
con il mio cervello
Io faccio l’amore con il mio cervello
che amoreggia con il suo cervello
Godo all’infinito
appagata
di una penetrazione
epidermica – fantasticante – coraggiosa – carnale –
vittoriosamente femminista – calorosamente maschilista –
tattile – materiale – spirituale – finalizzata nell’anima
e non nella mia fica

Può bastare?

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
da Atelier 81 – “La mia Italia” di Giuliano Ladolfi