Lola Koundakjian – inediti

KOUNDKAJIAN

Lola Koundakjian (1962). Di origine armena, è nata in Libano e vive a New Yoork dal 1979. È poeta, traduttrice, saggista e giornalista. È stata nel Consiglio Editoriale della rivista ARARAT, pubblicaione trimestrale armeno-americana nonché giornalista per l’Armenian Reporter, l’Armenian International Magazine. Scrive indistintamente in armeno e inglese e si autotraduce. Due le pubblicazioni di poesia, The Accidental Observer (2011) e Advice To A Poet (2014) poi incluse  in antologie sia negli USA, in Europa e in America latina dove gode di straordinario successo. È organizzatrice di eventi letterari e dal 2006 produce registrazioni audio per il sito multilingue Armenian Poetry Project. Tra le varie onorifecinze riconosciute alla sua opera, il Naji Namaan Literary Prizes nel 2014; il NoMAA Grantee, Literary Arts nel 2011 e 2012, e la Columbia University, Zohrab Fellow.

Lola Koundakjian
(inediti)
traduzione dall’armeno occidentale all’inglese a cura dell’autrice
traduzione dall’inglese all’italiano di Marco Bini

 

 

da: An Accidental Observer (2011)


????? ????????

?? ????? ????????????? ???
???? ?? ????
?????? ???? ??????
?????? ???? ??????
???, ????, ???, ????
???????, ?????? ???? ???????

??????? ????? ?.
????? ????? ?? ?????? ????????.
?????? ?????? ??????

??????, ???????? ? ?????,
?’????????? ??? ???, ??????
???? ?????????? ?? ??? ??????
?? ?????? ????? ?? ??
????? ??? ?? – ?? ??????

?????? ???? ??????
?????? ???? ?????
?? ????? ????? ?????? ????????? ?????

??????????? ??? ?? ?? ???????? ??????? …
???? ?????? ?????????? ?????????
?????? ???? ?? ????

?????? ???? ??????
?????? ???? ??????

lola 01
      Speaking of the Past

      I walk in the company of my memories
       Step by step,
      Street by street.
      Green light, go!
      Red light, stop!
      Right, left, right, left.
      Breathing deeply, and then tired.

      The past is getting dimmer.
      Who was I thinking about a few minutes ago?
      The weather seems to help me remember.

      Rain, it’s raining, today.
      Was it raining on that day?
      Yes, there was an umbrella with you
      And I was wearing an anorak
      And my chin was wet – I remember.

      Green light, go!
      Red light, stop!
      And I cross the street for the meeting.

      The umbrella was large and protected us both,
      And soon the rain stopped. There was a smile on your face.

      Right, left.
      Right, left.
      Hand in hand.

      You’re with your umbrella and I am wearing my anorak

      A few more streets
      A little while yet.
      Green light, go!
      Red light, stop!

Parlare del passato

Cammino in compagnia dei miei ricordi
passo dopo passo,
strada dopo strada.
Verde: via libera!
Rosso: fermarsi!
Destro, sinistro, destro, sinistro.
Respiro a fondo, sono esausta.

Il passato si affievolisce.
A cosa pensavo solo pochi minuti fa?
Sembra che il meteo mi aiuti a ricordare.

La pioggia; piove, oggi.
Pioveva, quella volta?
Sì, avevi portato l’ombrello
e io indossavo la giacca a vento
– ricordo che mi gocciolava il mento.

Verde: via libera!
Rosso: fermarsi!
Attraverso la strada per incontrarti.

L’ombrello era ampio e ci proteggeva entrambi,
ma la pioggia cessò in fretta. Sorridevi.

Destro, sinistro.
Destro, sinistro.
Mano nella mano.

Tu hai l’ombrello, e io indosso la giacca a vento.
Ancora poche strade
pochi minuti ancora.
Verde: via libera!
Rosso: fermarsi!

lola 02Moods

                           The heart is a small, cracked cup, easy to fill,
                                                            impossible to keep full.
                                                                   James Richardson

I come to you tonight
after a wonderful concert.
I am looking for love.

I heard some Bach, Beethoven then Schumann,
not just any sonata —
the F Sharp minor op 11 —
I know that one so well.

I sat there transported,
envisioning myself in bed with you,
naked and laughing,
surrounded by sheets of paper.
Me, reading poetry; you, interrupting me with kisses
then making love.

I come to you this evening
after a walk in Washington Square Park.
I am looking for love.

I was watching a painter
splashing colors on a canvas:
Indian yellow, cerulean blue and zinc white
Not just any paint —
but colors like winter solstice, the sky, and your skin

I sat there transported,
envisioning myself
in bed with you.

I come to you tonight
after hearing a jazz quartet at Bar 55.
I was looking for love

I heard mellow tunes from the 60’s
not just any composition —
but Herbie Hancock’s Maiden voyage
music from our last night together.

I sat there transported,
envisioning myself in bed
with someone other than you.

lola 03Umori

Il cuore è una tazzina crepata: puoi riempirla finché vuoi, 
ma non rimarrà piena.
James Richardson

Vengo da te stasera
dopo un concerto straordinario.
Sono in cerca di amore.

Suonavano Bach, Beethoven e Schumann,
non solo una sonata tra tante,
ma quella in fa diesis minore op. 11
che conosco così bene.

Stavo lì, entusiasta,
mi immaginavo a letto con te,
nuda, a ridere,
circondata da foglietti.
Ti leggevo poesie, tu baciandomi mi interrompevi
poi facevamo l’amore.

Vengo da te questa sera
passeggiando per Washington Square Park.
Sono in cerca di amore.
Osservavo un pittore
gettare colore sulla tela:
giallo indiano, azzurro, bianco di zinco
non semplici tonalità,
ma i colori del solstizio d’inverno, del cielo, della tua pelle.

Stavo lì, entusiasta,
mi immaginavo
a letto con te.

Sono venuta da te stasera
dopo il concerto di un quartetto jazz al Bar 55.
Ero in cerca d’amore.

Ho ascoltato qualche pezzo accattivante anni ’60,
non una semplice composizione,
ma Maiden Voyage di Herbie Hancock,
la musica della nostra ultima notte insieme.

Stavo lì, entusiasta,
mi immaginavo a letto
con qualcuno che non eri tu.

lola 04
???????????? ????????

???? ?, ?????? ???????

????? ?? ????? ???? ?? ?????
?? ???? ?????, ????? ???,
?? ???? ?????????
???????? ???? ?????????

????? ???? ????? ??????????
????? ?????? ? ??? ??? ??????????
?????????????????:

??????? ???? ???? ? ????? ??????? ??? ????????
???? ?? ?????? ????? ????? ??? ????? ?????

???????? ????????


?????? ?, ?????? ???????

???????????????? ??????
????????????? ???, ?? ????? ???????

??? ??, ??? ????? ????????
???? ????? ????? ?? ?????
?? ????? ??????? ?? ?????????
????? ???????? ????????

?????? ?????????? ??????? ????????? ??????
???????? ?????? ???? ??? ?????? ?? ???????????

??????? ???? ???? ? ?????? ?????????????
??? ??????? ?? ?? ?????? ???? ??? ??????? ?????????

????? ???????????

???? ?, ???????

?????????? ??????? ??? ?? ?? ?????? ?????
?????? ?????? ???? ???? ????? ??
????? ????? ????? ?????? ????? ?

??? ??????? ??? ?????? ??????? ??
?????????????? ?? ???????????,
????? ??? ??? ??? ?? ????????
?? ?????? ??? ???????????

?? ????? ??? ??????????? ????????? ?? ?????? ??????
??? ???????? ???????? ????? ?? ???????:

??????? ???? ????? ? ??? ??? ?? ??????

???????? ??????? ?????

????? ?, ?????? ???????????

????? ?? ??????? ?? ?????? ?????
????? ??? ???? ??
?’????? ??????? ???????? ?????
?? ?????? ?????? ??? ??????

??? ????? ??? ?????? ?? ?????
???? ???????  ???? ???? ????
??? ??? ?’?????? ??? ??????????
????????? ??????????? ?? ???? ??? ?? ??????

??? ?????? ?? ?, ????????? ?????
?????????? ?????????

???? ???????????, ??? ????

lola 05
      An Imaginary Correspondence

      It is Winter, dear Friend

      My book will be published in a month’s time
      And I am uncertain, dearest
      If anyone other than my family
      will read it.

      It is easier to deal with two meters of snow
      than the moods of the Armenian public

      It’s been 35 years; I am still not used to the cold weather
      But I try to keep my mind as clear as snow.

      Best regards to your wife

      It is Spring, dear Friend:

      I received your poems with the audio recording
      and once again, bravo!

      That day when I listened to the raspy clip,
      I realized the importance of staying close to familial noises.
      You wrote about North Africa’s political situation.
      So many perished, and yet, life goes on.

      It’s been 35 years; I am still famished for the beauty of Spring
      and try to experience a spiritual rebirth along with it.

      Kisses to your kids

      It is Summer, dearest

      My orchids are still thriving; until today
      the flower buds stayed put but they seem
      to have started their journey into dormancy

      That evening when you closed your eyes and
      recited that poem, a large hole
      tore in my heart and you pierced through

      Do you remember when we met at the museum
      and I was dumbstruck?
      Those paintings have remained in my mind’s eye.

      It’s been 35 years that I’ve been waiting for you.

      Best wishes to your Mother whom I’ve yet the pleasure of meeting

      It is Fall, dear Friend

      The days are getting shorter and
      one needs to make an extra effort to write.
      I still want to roam outdoors
      to play with the natural light

      This week I plan to make your Halawa bi Jibn
      Some twenty years ago, you taught me to make it
      when you still living here, so I always think of you.

      It’s tea drinking weather, dear friend 
      Best regards to your sisters

      Lola Koundakjian, New York


Una corrispondenza immaginaria

È inverno, amico mio

Pubblicherò il mio libro entro il mese
e davvero non so, carissimo,
se oltre alla mia famiglia qualcuno
lo leggerà.

È più facile affrontare due metri di neve
che gli umori del pubblico armeno.

Sono passati 35 anni, e ancora non mi abituo al freddo
ma cerco di mantenere la mente cristallina come la neve.

Salutami tua moglie

È primavera, amico mio

Mi sono arrivate le tue poesie e le registrazioni
e di nuovo ti dico: bravo!

La volta che ho sentito quel suono rauco
ho capito l’importanza di immergersi in suoni familiari.
Ho scritto della situazione politica in Nordafrica:
quanti ne sono morti, ma la vita continua.

Sono passati 35 anni, e ancora non mi basta la bellezza della primavera
e ancora vi cerco una rinascita spirituale.

Bacia i bambini per me

È estate, amico mio

Le orchidee fioriscono ancora. Fino a oggi
i germogli erano chiusi ma sembrano
aver iniziato il loro viaggio nella quiescenza.

La sera in cui avevi chiuso gli occhi
e recitato quella poesia, un grande buco
si è fatto largo nel mio cuore e tu ci sei entrato.

Ti ricordi la volta che ci siamo visti al museo
e io ammutolivo?
Quei dipinti si sono sedimentati negli occhi della mia mente.

Sono passati 35 anni da quando ho iniziato ad aspettarti.

Salutami tua madre, sono contenta di incontrarla ancora ogni tanto

È autunno, amica mia

Le giornate si accorciano
e bisogna sforzarsi di più per scrivere.
Voglio ancora uscire per un giro
a giocare con la luce naturale.

Questa settimana vorrei fare l’Halawa bi Jibn   [1].
Mi hai insegnato tu a farlo, sarà stato vent’anni fa
quando ancora vivevi qui, perché potessi pensarti sempre.

C’è un tempo perfetto per prendere il tè, amica cara
Salutami le tue sorelle.

[1] Dolce della tradizione araba a base di formaggio


Lola Koundakjian (1962). Di origine armena, è nata in Libano e vive a New Yoork dal 1979. È poeta, traduttrice, saggista e giornalista. È stata nel Consiglio Editoriale della rivista ARARAT, pubblicaione trimestrale armeno-americana nonché giornalista per l’Armenian Reporter, l’Armenian International Magazine. Scrive indistintamente in armeno e inglese e si autotraduce. Due le pubblicazioni di poesia, The Accidental Observer (2011) e Advice To A Poet (2014) poi incluse  in antologie sia negli USA, in Europa e in America latina dove gode di straordinario successo. È organizzatrice di eventi letterari e dal 2006 produce registrazioni audio per il sito multilingue Armenian Poetry Project. Tra le varie onorifecinze riconosciute alla sua opera, il Naji Namaan Literary Prizes nel 2014; il NoMAA Grantee, Literary Arts nel 2011 e 2012, e la Columbia University, Zohrab Fellow.

 

Fotografia dell’autrice di Bonnie Walker

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
FERNANDO VALVERDE – tre inediti