FILITSA SOFIANOU-MULLEN – tre inediti (traduzione di Francesca Benocci)

Ultimo aggiornamento:

SOFIANOU MULLEN

Filitsa Sofianou-Mullen è nata in Germania ed è cresciuta a Salonicco (Grecia) dove ha studiato Filologia Inglese all’Aristotle University proseguendo poi alla Kent State University in Ohio, USA, ateneo dove ha poi insegnato passando poi all’American College di Salonicco (ACT) e per gli ultimi dieci anni all’American University in Bulgaria (AUBG). Prophetikon, pubblicata dalle Edizioni Scalino di Sofia nel 2014 è la sua prima raccolta poetica. Altri lavori sono stati pubblicati in Voices from the Attic (nella collana “the Creative Society” della ACT, da lei co-diretta per tre anni), in Fly in the Head (la rivista letteraria dell’ all’American University in Bulgaria) nonchè in diverse and suites e plaquette oltre che online. Scrive indistintamente in Greco o Inglese.

 

Filitsa Sofianou-Mullen
Da Prophetikon
(Sofia, Scalino, 2014)
Traduzione dall’inglese di Francesca Benocci

 

 

 Filitsa Sofianou Mullen

XX. (Daybreak or Suicide)

The foghorn’s treble blasts him out of sleep
    the night’s alluring briny hands are calling
    recalling for him
        those days
            when his own hands
                would pull the fishful boat onto the shore

how everyone envied
    his legs planted like rocks into the ground
    his sinewy arms
    his savage hair
how everyone feared
    the rage nesting in his brain
        (unforeseen like summer gale at sea)

He’ll search the kitchen for its knives
    but his two sisters thought of that before
and that small terrace is actually too low

he’ll ramble down the five blocks to the beach
    (that sea has made a man of him)
    But he will flinch—so childish still—at
        rose-fingered dawn’s stern gaze
            (then, how can a fisherman drown?)

So he’ll return
    (the deed undone)
unlock the door
walk quietly in
a pale bleach bottle greets him on the floor
    (nothing more silent than this)

They’ll find him later
    thus
        sitting on his cot
            his head abandoned on his chest
            his eyes vacuous and slow
            his slippers tottering on his toes
“I was ashamed,” he’ll say
I am ashamed to live in this Herculean body
    inside a mind that so desires the end.

Thessaloniki, 26 January 2012

 

 

XX. (Aurora o Sucidio)

L’acuto della sirena da nebbia lo sveglia di soprassalto
    la notte ha mani salmastre allettanti che evocano
    rievocano per lui
        quei tempi
            in cui le sue mani
                traevano a riva la barca piena di pesce

come tutti gli invidiavano
    le gambe piantate come massi nel terreno
    le braccia nodose
    la chioma selvaggia
come tutti temevano
    il furore che aveva annidato in testa
        (imprevisto come la burrasca estiva in mare)

Frugherà la cucina per i coltelli
    ma le sue due sorelle ci hanno già pensato
e in effetti quel terrazzino è troppo basso

vagherà per i cinque isolati fino alla spiaggia
    (il mare ha fatto di lui un uomo)
    Ma avrà un sussulto — ancora così puerile — allo
        sguardo severo dell’alba dalle dita rosa
            (poi, come può un pescatore affogare?)

Allora ritornerà
    (l’atto incompiuto)
aprirà la porta
entrerà piano
lo accoglie una bottiglia chiara di candeggina sul pavimento
    (niente di più silenzioso)

Più tardi lo troveranno
    così
        seduto sulla sua branda
            la testa abbandonata sul petto
            gli occhi inutili e lenti
            le ciabatte che gli dondolano ai piedi
“Mi vergognavo,” dirà
mi vergogno di vivere in questo corpo erculeo
    dentro una mente che tanto brama la fine.

Salonicco, 26 gennaio 2012

 

 

 

XXX. (Pythia’s Pendulum)

    happiness
is              neither
    male nor female
           this
                  splash of
                             little
                                     blue-shod
                                              feet under
                                                          one
                                                large red
                                    umbrella
                            leaving
                 in April  
           worms
    intact
           and
          wriggling
          wriggling
           and
    intact
           worms
                 in April
                            leaving
                                   the umbrella
                                               large and red
                                                         one

                                               feet under
                                   blue-shod
                            little
                splash of
           this
    male nor female
    (                   )
    happiness

Thessaloniki, 17 April 2012

 

 

XXX. (Il pendolo di Pythia)

    felicità
non         è     né
    maschio né femmina
           questo
                  schizzo di
                             piccolo
                                     calzato di blu
                                              piede sotto
                                                          un
                                                ombrello
                                   grande e rosso
                            che lasciano
                 in aprile
           vermi
    intatti
           e
         contorcentisi
         contorcentisi
           e
    intatti
           vermi
                 in aprile
                            che lasciano
                                   il grande e rosso
                                               ombrello
                                                       un
                                           piede sotto
                                 calzato di blu
                          piccolo
              schizzo di
         questo
    né maschio né femminia
    (                              )
    felicità

Salonicco, 17 aprile 2012

XXXI. (Pythia)

Towards the end of her labors, Pythia decided to go
back and put in all the commas in their right places.
But it was too late. Her prophecies had already been
fulfilled because she had spoken them. And then she
had a revelation. Time punctuates itself. I, too, speak
with a forked tongue. That’s why my walls splinter
and crack at night. I’m not just one; I’m two.

 

Thessaloniki, 18 April 2012

XXXI. (Pythia)

Verso la fine delle fatiche, Phytia decise di farsi
daccapo e di inserire tutte le virgole al loro posto.
Ma era troppo tardi. Le sue profezie si erano già
realizzate poiché le aveva pronunciate. Poi ebbe
una rivelazione. Tempo punteggia se stesso. Pure
io ho la lingua biforcuta. Per questo le mie mura si
crepano e incrinano. Non sono una sola; sono due.

Salonicco, 18 aprile 2012

 

 

Note ai testi: la raccolta Prophetikon è un diario poetico di 33 frammenti sparsi su sette giorni di visioni e memorie. Il libro è stato scritto in sequenza a cavallo tra il Dicembre 2011 e l’Aprile 2012. Dei 33 frammenti, 32 recano la numerazione romana e tentativi di titoli (messi tra parentesi) a mostrarne le connessioni l’uno con l’altro quant’anche di ognuno l’autonomia sia tematica che stilistica.

 


Filitsa Sofianou-Mullen è nata in Germania ed è cresciuta a Salonicco (Grecia) dove ha studiato Filologia Inglese all’Aristotle University proseguendo poi alla Kent State University in Ohio, USA, ateneo dove ha poi insegnato passando poi all’American College di Salonicco (ACT) e per gli ultimi dieci anni all’American University in Bulgaria (AUBG). Prophetikon, pubblicata dalle Edizioni Scalino di Sofia nel 2014 è la sua prima raccolta poetica. Altri lavori sono stati pubblicati in Voices from the Attic (nella collana “the Creative Society” della ACT, da lei co-diretta per tre anni), in Fly in the Head (la rivista letteraria dell’ all’American University in Bulgaria) nonchè in diverse and suites e plaquette oltre che online. Scrive indistintamente in Greco o Inglese.

.
Fotografia di proprietà dell’autrice.
..
Francesca Benocci
(1985) ha conseguito una laurea in Lingue e Letterature Straniere presso l’Università di Siena, dove ha poi completato un Master in Traduzione Letteraria. Sta per intraprendere un dottorato in Traduzione Letteraria (poesia femminile neozelandese) presso il New Zealand Centre for Literary Translation della Victoria University of Wellington in Nuova Zelanda. Sue traduzioni sono apparse su La Libellula e Journal of Italian Translation. Per Atelier cartaceo ha tradotto con Eleonora Bello la poeta australiana Lucy K. Holt. È anche autrice di poesie e racconti. Informazioni sulla sua attività al sito www.francescabenocci.com 

 .

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
ALFORD
Katica Kulavkova –