Carmelo Pistillo rilegge e traduce Rimbaud

Ultimo aggiornamento:

Carmelo Pistillo (a cura di)

Arthur Rimbaud

Una stagione all’inferno

La Vita Felice, 2020

pp. 220, euro 18,00

 

Sono ben lieto di segnalare e commentare questo ottimo lavoro di Carmelo Pistillo su Arthur Rimbaud. Egli infatti assume qui con passione e coraggio ogni veste e incombenza: figura come curatore, ma è anche l’ideatore del progetto culturale, il traduttore dell’opera scelta, il critico che riflette sul grande poeta (in un bel saggio – Nel nome di Arthur), l’archivista che cerca e sceglie l’iconografia di accompagnamento, il giornalista che coinvolge ventiquattro poeti italiani per sondare l’attualità di Rimbaud. Pistillo dunque, poeta e narratore milanese già noto ai buoni lettori, ci dimostra quanto grande e pregevole può essere il risultato quando si lavora con amore e dedizione a un progetto culturale serio come questo – che avrebbe, a dire il vero, spaventato chiunque. Il libro, dopo una Premessa del nostro curatore, propone il saggio di Pistillo di cui si accennava – Nel nome di Arthur dal quale emerge l’attualità misteriosa e perdurante della voce di Rimbaud – cercata nella sua sofferta e incompleta biografia, nelle tensioni interiori, nella sua sete di assoluto, nella lettura ultrasecolare fatta dell’opera. Nelle sue conclusioni Pistillo afferma: “Altri verranno dopo di lui e riprenderanno nel punto in cui si è schiantato e perduto…Rimbaud ha pregato con le parole soltanto da bambino. La supplica, dopo la rivoluzionaria e accecante stagione poetica, ha assunto i connotati del silenzio…Infine, forse, un salto nel buio: Dio, quel Dio che è più di un semplice aspetto dell’Ignoto o di una parte di esso. Ma questa, di un Dio oscuro, è soltanto l’ombra di un’ipotesi.” La traduzione di Una stagione all’inferno segue subito, occupando la parte centrale del libro, col testo francese a fronte, corredata dalle note e da un’accurata bibliografia (che non ha temuto la vastità di quella esistente, dalla quale ha attinto con sicurezza e ordinato con cura). La sezione che segue – Rimbaud in bianco e nero – è una interessante galleria fotografica che comprende anche inaspettati disegni infantili del poeta francese. L’ultima sezione del libro – Per una crestomazia rimbaudiana – reca la testimonianza di critici e poeti di ieri e di oggi. Si apre con quella dei viventi – Rimabud letto oggi – dove Pistillo invita gli autori italiani da lui scelti a una libera riflessione su Rimbaud (tra loro Alessandro Ceni, Maurizio Cucchi, Milo De Angelis, Marco Ercolani, Flavio Ermini, Elio Grasso, Roberto Mussapi, Giampiero Neri, Elio Pecora) e si chiude con Rimbaud letto ieri, che raccoglie citazioni di autori scomparsi, italiani e stranieri (tra i tanti, Luis Aragon, Harold Bloom, Ives Bonnefoy, Benedetto Croce, Mario Luzi, Sandro Penna, Antonio Porta). Per chi si occupa di poesia contemporanea, il panorama conclusivo di pensieri e ricordi dei nostri poeti viventi si rivela materiale prezioso, poiché dimostra la presenza ancor viva, irrisolta e travolgente, della voce poetica del giovane Arthur Rimbaud.

Antonio Fiori

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
De Rienzo, Grutt, Sant’Elia, Tempesta. Fuoco. Terra. Aria. Acqua. (Terra d’ulivi edizioni, 2017). Lettura di Vanina Zaccaria