Arianna Vartolo – Inediti

Arianna Vartolo è nata nel 1998 a Roma, dove vive. Studia Lettere moderne all’Università La Sapienza di Roma.
L’aiuto a non morire (Cultura e Dintorni Editore, 2019) è la sua opera prima in versi. Compare anche nell’antologia Abitare la parola: poeti nati negli anni Novanta

per Giuliano Ladolfi editore (2019).

Arianna Vartolo – Inediti

Non tralasciare il potere dei giorni
dispari; quello degli attimi fuori

fuoco – fuori tempo. Trova i contorni

di questo mio dedalico costato
e lascia entrare luce e sangue sempre

nuovi; alle tue dita ho dedicato

il nume di ciò che c’è e non si vede.

*

Ho cercato il silenzio
nelle voci spezzate di un vinile

usato; in un’immagine

d’ombra che trovasse sicuro approdo
su una parete bianca.

La Luna – ho cercato – come metafora

di un ascolto rimasto
sospeso tra una forma di domanda

e l’idea di risposta.

*

l male naturale lo vedesti quella mattina
in cui la stanza – spoglia – venne
riempita dall’odore di caffè
bruciato. Quella mattina
in cui capisti che la soglia è corpo
scisso tra rami e radici
e mani in cerca di materie
da costruire; su un vuoto
che non sia senza almeno
un’idea di scheletro.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
Tamim Al Barghuti – Un inedito (Traduzione dall’arabo di Laura Cecchin)