Aleksandr Malinin – Inediti (traduzione di Paolo Galvagni)

Ultimo aggiornamento:

Aleksandr Malinin è nato nel 1991 a Joškar-Ola; attualmente vive a San Pietroburgo. Suoi versi sono stati pubblicati sui siti letterari “Polutona”, “Literratura”, “TextOnly” e nelle riviste “Vozduch” e “Nosorog”. Ha pubblicato le raccolte poetiche Legkij vzmach peki [Il lieve battito del fiume] (2016), Nevod [Rete a strascico] (2016). Ha partecipato al tredicesimo Festival dei nuovi poeti. Suoi versi sono apparsi in traduzione italiana nell’antologia Planetaria (Taut 2020).

Paolo Galvagni è nato nel 1967 a Bologna. Nel 1991 si è laureato in Lingua e Letteratura Russa presso l’ateneo bolognese, con una tesi dal titolo “Turgenev tra Pietroburgo e Pechino”. Grazie a una borsa di studio post lauream, ha frequentato corsi di russo e di ucraino presso l’Università Nazionale di Kiev. Dal 1992 collabora con riviste e case editrici, per le quali esegue traduzioni dal russo e dall’ucraino.

Aleksandr Malinin
Due inediti
traduzione di Paolo Galvagni

??????? ? ???? ??????,
??? ????? ? ?????:
??? ?????????? ????? ????,
?????????? ????? ?????
???????????? ??????, ?????? ??????.

Accosta una pietra alla ferita,
come un dito alle labbra:
così si dimentica il canto del dolore,
gli zigomi non inarcati tollerano
di nuovo una mela acida, terrena.

***

??? ?????? ????? ???? ??????? ????,
????? ??? ???????? ????.
??????? ??????,
???????? ????,
?? ??-???????.

Come cingere prima del sonno un corpo ardente,
quando è un corpo celeste.
Quello ardente si raffredda,
anche quello freddo,
ma in modo diverso.

in foto Paolo Galvagni

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
Giuseppe Carracchia – da “Prova del nove”